Passa ai contenuti principali

L'evocazione (The Conjuring)

Recensisco L'evocazione oggi, ma si tranquilli lo voglio fare innanzitutto per far risalire il blog....hahaha, no no non vi preoccupate lo faccio soprattutto perchè lo voglio fare, e  poi perchè questo film mi è piaciuto moltissimo.
Innanzitutto devo dire che James Wan mi ha fatto venire la pelle d'oca, l'ho visto qualche giorno fa questo film, e vi assicuro che i brividi si sentivano a fior di pelle, e di questi tempi è una cosa più unica che rara.
Il film è costruito su un fatto realmente accaduto, non c'è colpo di scena, non c'è nessuna sorpresa eclatante, ma è girato magnificamente da un autore che SA come si gira un horror daltronde stiamo parlando di un autore orientale, e sappiamo quanto gli orientali dettano scuola a noi occidentali, che non facciamo che ripetere senza nessuna idea, le loro idee e i loro film.
La storia che state per vedere narra di una famiglia, che ha acquistato una piccola casa, all'inizio tutto sembra andare bene, ma quando il capofamiglia scopre una cantina serrata cominciano già i primi incidenti, il cane muore e Carolyn, al risveglio si accorge di avere un livido di cui non capisce come se lo sia procurato.
Quando gli incidenti cominciano ad aumentare, con le visioni da parte delle figlie di una strana donna, che la notte cerca di farli uscire dal letto, e altre attività paranormali, che culminano in Carolyn che rimane chiusa nella cantina e una delle figlie viene attaccata da uno spirito somigliante a una donna anziana, ed è qui che entrano i coniugi Warren, che attraverso gli strumenti e varie ricerche, fanno luce sul mistero della casa, la verità si nasconde in una strega che si è impiccata lanciando una maledizione alla casa, tutti coloro che abiteranno nella casa moriranno....
Ragazzi vi dico solo una cosa, correte a vederlo, James Wan è un sornione, dirige il film non suggerendo nulla allo spettatore, anzi, facendo in modo che la tensione si alzi a poco a poco, e fa in modo che siano i personaggi a rivelare il mistero della casa, l'ultima scena - che non vi rivelo - è da manuale, vi dico soltanto che è quella che mi ha colpito maggiormente.
Se escono ancora ottimi film come questo allora c'è speranza che il cinema horror si risollevi dalla noia mortale, che sia la fine dei reality horror? Ultimamente non ne escono quasi più il che è una speranza, anzi un ottima speranza.
La cosa che mi ha colpito maggiormente? Innanzitutto l'intreccio, avete presente l'inquietante bambolina che si vede all'inizio? Io credevo che la storia cominciasse da lì, ma è solo un falso incipt che ci racconta i coniugi warren che avranno un ruolo fondamentale nella risoluzione del caso.
In conclusione, un ottimo film, da vedere se siete dei veri amanti dell'horror.
Voto: 8
E se lo merita tutto!!!







Commenti

  1. Appena finito di vedere, non me l'aspettavo così bello....

    RispondiElimina
  2. Lo commento anche qui, un po' con la puzza sotto il naso perché spero ancora che Wan mi legga e la finisca di fare adnare in vacca i suoi film nel finale :D scherzi a parte, sono piuttosto tiepido: spaventi ne ho avuti ma ho visto anche troppi buuuu telefonati. Per me sufficiente ma niente più...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. de gustibus, a me è piaciuto un casino :D

      Elimina
  3. uhm, la tua rece è molto bella e ricca di entusiasmo x un film che forse non lo merita del tutto, se dai una letta alla mia rece vedrai cosa mi è piaciuto e cosa no.
    Lo ritengo complessivamente un buon film, ma non sto capolavoro che molti decantano.
    Per me, dovessi dare un voto sarebbe 6,5 o forse anche 7, ma regalato e lo regalo perchè cmq voglio bene a James in quanto papà di Jigsaw ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io lo ritengo un ottimo horror, non un capolavoro, ma capace di falti saltare sulla sedia quando meno te l'aspetti...:)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.