Passa ai contenuti principali

One for the money

Vedremo mai Katherine Heigl in un ruolo che la valorizzi maggiormente?
Secondo il mio modesto parere, dovrebbe smetterla di fare queste commediole zuccherose, che sinceramente ormai sono tutte uguali, e per poco non ti vengono i conati di vomito...in senso metaforico, troppo zucchero rende smielato il film.
Si il film, parliamo del film in questione, una ragazza perde il posto di lavoro, e allora la zia gliene procura un altro - certe cose si vedono solo nei film - e deve riscuotere il credito di un ex poliziotto - e guarda caso sua ex fiamma - che deve restituirlo a un uomo che poi si scopre non avere poi tanti scrupoli e parecchi scheletri nell'armadio...
E' un film scontato, sa di vecchio e di stantio, e sa di già visto, la Heigl diciamocelo, non è che sia tra le mie attrici preferite, ma se continua così diventa la Doris Day del terzo millennio, ci vuole più trasgressione, ci vuole anche più coraggio, sembra che questa attrice abbia paura di esporsi troppo, perchè?
Essere attore non vuol dire accontentarsi, ma mettersi in gioco, superare i tuoi limiti e le tue inibizioni, invece lei accetta di recitare solo in queste leziose commediole...rispetto la sua scelta ma non la condivido.
Il film stesso è un filmetto, che si dimentica una volta che arrivano i titoli di coda, una regia praticamente assente, ed è tutto costruito intorno al personaggio della Heigl.
Il mio parere è che si sia fidata un poo' troppo, la Heigl mica è Meryl Streep o Nicole Kidman che quelle SI sono attrici vere, soprattutto la seconda che è capace di spingersi oltre i suoi limiti per recitare, si è pericoloso ma almeno ha coraggio.
Se si fa l'attore o l'attrice bisogna avere coraggio, non bisogna accontentarsi così tanto per far soldi, fare l'attore comporta delle scelte che ci fanno fare cose che nella vita non faremo mai, sinceramente io al posto suo non farei commediole, ma film che si possono mettere in discussione anche me stessa, che mi portano ad esplorare anche le mie capacità...spero vivamente che scelga film davvero più impegnativi.
E stavolta il mio voto è 4
e se lo merita tutto.


Commenti

  1. Per me fu una commedia carina, insomma così tanto per, infatti gli diedi un 5.

    RispondiElimina
  2. si ma ogni tanto bisogna lasciare andare la carineria, e puntare su qualcosa di più solido :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma é la Heighl piú di cosí non si puó pretendere, peró dai si é indurita come agente che collabora con le prostitute rispetto ai film precedenti.

      Elimina
    2. Ricordo che gli altri film erano zuccherosi peró a me é piaciuto La dura veritá sto qua é robina.

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.