Passa ai contenuti principali

A Letto con il nemico

Laura  e Martin Barny sembrano la coppia perfetta agli occhi di tutti, lui abile manager in una compagnia, lei mogliettina che lo aspetta a casa, apparentemente va tutto bene, ma non immagino che il marito ha il brutto vizio di menare la moglie letteralmente.
Ma basta una sera per poter finalmente uscire da questo incubo, una gita in barca, dopo l'ultima sfuriata perchè proprio un vicino gli ha fatto i complimenti per la bella casa e la bella moglie, l'ultima volta che Laura è stata picchiata da Martin.
Basta un attimo e Laura si butta a mare, Martin torna a casa infuriato come suo solito, e capisce che Laura è morta, ma poi c'è Laura stessa che racconta come è riuscita  a liberarsi del marito, ha imparato a nuotare e questa è stata la sua salvezza.
Fino a quando il marito non trova la vera nuziale nella tazza del wc, e allora si comincia a cercare la moglie, tramite alcuni detective profumatamente pagati.
Strutturalmente il film è fatto abbastanza bene, certo non parlo di capolavoro o opera cult ma si fa vedere bene, Julia Roberts non da una grande interpretazione, ma colpisce per la scelta di un personaggio ben lontano da Pretty Woman, un ruolo insolito per lei che siamo abituati a vederla in commedie solari, invece con questo film dimostra di non aver paura delle scelte coraggiose, e solo per questo va ammirata.
La Regia di Ruben si intravede ma non è incisiva, si dedica fin troppo al personaggio di Julia Roberts, bravissimo invece è Patrick Bergin nel suo ruolo di marito psicopatico fa venire i brividi anche a un insensibile.
In conclusione, solo per i fan di Julia Roberts che come attrice è brava e merita una rivalutazione e ruoli decisamente forti, anche se il ruolo che ho preferito rimane quello di Closer che le si addice di più.
Non male voto : 6


Commenti

  1. thrillerino simpatico, la Roberts per me è molto sopravvalutata, tranne qualche bella performance (Erin Brokovich) per me non ha mai lasciato il segno, cmq questo film lo si guarda volentieri.

    Del regista Joseph Ruben per me il massimo è L'innocenza del diavolo, quello per me è un vero cult

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora lo recupero, a me Julia Roberts piace e molto ma cmq sono gusti ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.