Passa ai contenuti principali

Belluscone Una Storia Siciliana

E finalmente recensisco Belluscone Una Storia Siciliana, opera grottesca che racconta di come un tipo come Berlusconi è visto in sicilia, e soprattutto del potere che la sicilia ha sempre dato all'imprenditore che si è dato alla politica.

Franco Maresco dirige un opera amara e allo stesso tempo lucida e sorprendente, narrando la storia di un impresario di cantanti neomelodici, sottolineando i legami tra questi e cosa nostra, ma anche i legami tra Berlusconi, e alcuni boss mafiosi.
Ma come è visto Berlusconi in sicilia?
Tutti votano Berlusconi, tutti lo venerano e vorrebbero essere come lui, tanto che anche tra i cantanti neomelodici - ovvero quelli che cantano in dialetto napoletano che sono lanciati da cosa nostra - è visto come un mito.
Il film è incentrato su due cantanti neomelodici, che venerano la figura dell'imprenditore e che per un problema su una canzone per poco non si facevano la guerra, e di cosa parlava la canzone? Ma di Berlusconi ovviamente.
Franco Maresco mette in scena un italietta un po' ridicola e meschina, anche attraverso l'intervista al braccio destro di Forza Italia, nonchè fondatore del partito insieme a Berlusconi e accusato per associazione mafiosa Marcello Dell'utri e improvvisamente il microfono non funziona più, chissà come mai eh?

Maresco fa un film incentrato sulla sicilia è vero, ma la storia che racconta è Italiana al cento per cento, non si concentra solo sul suolo siciliano, ma fa capire grazie a piccoli ma grandi accorgimenti, che un qualsiasi posto può essere come la sicilia, non solo la sicilia in sè, e di per questo ha  un grande merito.
Ovviamente è un opera difficile e complessa, anche perchè ci sono state molte difficoltà per girarle, logistiche, politiche e non a caso pure mafiose.
Nonostante ciò Maresco non si è scoraggiato, e ha continuato a girare il suo film, nonostante le infinite difficoltà che si sono presentate.
La sicilia è rappresentata come il fulcro centrale della storia, che è italiana in cui tutti noi ci possiamo riconoscere, e il lavoro minuzioso di Franco Maresco lo dimostra in pieno, e ne fa un opera universale in cui ognuno di noi si può rispecchiare.
Ecco perchè quelli di Forza Italia non sono stati contenti di questo film, scoperchiava parecchi segreti custoditi  nell'armadio del multimiliardario imprenditore che ha costruito la sua fortuna grazie alla mafia stessa, anche se si dice che non è così.
Belluscone Una Storia Siciliana è il ritratto spietato non solo di una regione, ma di una intera nazione, che dietro la facciata ha permesso alla mafia di proliferare e di prendere potere nelle istituzioni dello stato, un immagine impietosa che ci riguarda tutti noi in italia, non solo in sicilia, e che solo un regista coraggioso come Franco Maresco ha saputo portare con sincerità sullo schermo.




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.