Passa ai contenuti principali

Le Meraviglie

Ci sono certi film che devono essere visti con un ottica fresca, forse un po' libera dalle visioni di altre pellicole, per apprezzarle meglio e soprattutto capirle.
Le Meraviglie fa parte di questo genere di pellicole, un film su un mondo a parte, che viene invaso dalla televisione con un programma che indice un concorso a premi per le fattorie, una ragazzina il cui padre è apicoltore, - vero e proprio alter ego della regista, il cui film è fortemente autobiografico - intende parteciparvi anche se il padre non è molto daccordo di essere invaso dai media nel mondo ristretto e ricercato dove la natura regna incontrastata.

La protagonista è una ragazzina, che decide di partecipare al concorso che le cambierà la vita, anche se il padre nel suo mondo chiuso non vede di buon occhio l'invasione della tv nel suo piccolo e chiuso mondo, fatto di api che volano, e che fanno il miele che rivende ai negozi.
Un film fatto di silenzi, di paesaggi, di natura incontrastata, e di luci, un mondo dove non esiste tecnologia, dove le uniche note provengono da una radio usata dalle figlie per ballare, e prontemente spenta per non disturbare il ritmo della natura.
Due genitori che devono crescere 4 figlie femmine e che parlano due lingue diverse, la madre parla il francese il padre il tedesco, essendo nato in germania, Alice Rorhwacher narra fotografando una natura viva e pulsante, capace di trattenersi nella memoria.
E siamo alla sua opera seconda.

Ed ecco un ottimo film, sembra di guardare l'opera di un grande autore, fresca e semplice, senza fronzoli alcuni, mai pesante o pedante.
Un ottimo presagio, anche se la presenza della Bellucci nel ruolo di Milly Catena presentatrice tv della trasmissione Il Paese delle meraviglie è un po' un ripiego per vendere il film all'estero, non mi soffermo sulla interpretazione della sovracitata "attrice".
Uno dei più bei film dell'anno appena trascorso, e senza dubbio meritevole di visione, sicuramente con gli anni verrà riconosciuto come un piccolo capolavoro.
Voto: 8



Commenti

  1. Trovo tanto difficile osservare un film con occhi puliti, senza influenze di pellicole affini. Come dici tu, a volte è necessario, almeno provare a farlo. Non ho visto questo film ma la tua premessa mi incuriosisce non poco...

    RispondiElimina
  2. il trailer mi aveva incuriosita, e poi anche la locandina del film, secondo me, è geniale nella sua essenzialità. l'anno scorso non son riuscita a beccarlo il sala, mi sa che devo riprovarci, a sto giro :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…