Passa ai contenuti principali

Le Meraviglie

Ci sono certi film che devono essere visti con un ottica fresca, forse un po' libera dalle visioni di altre pellicole, per apprezzarle meglio e soprattutto capirle.
Le Meraviglie fa parte di questo genere di pellicole, un film su un mondo a parte, che viene invaso dalla televisione con un programma che indice un concorso a premi per le fattorie, una ragazzina il cui padre è apicoltore, - vero e proprio alter ego della regista, il cui film è fortemente autobiografico - intende parteciparvi anche se il padre non è molto daccordo di essere invaso dai media nel mondo ristretto e ricercato dove la natura regna incontrastata.

La protagonista è una ragazzina, che decide di partecipare al concorso che le cambierà la vita, anche se il padre nel suo mondo chiuso non vede di buon occhio l'invasione della tv nel suo piccolo e chiuso mondo, fatto di api che volano, e che fanno il miele che rivende ai negozi.
Un film fatto di silenzi, di paesaggi, di natura incontrastata, e di luci, un mondo dove non esiste tecnologia, dove le uniche note provengono da una radio usata dalle figlie per ballare, e prontemente spenta per non disturbare il ritmo della natura.
Due genitori che devono crescere 4 figlie femmine e che parlano due lingue diverse, la madre parla il francese il padre il tedesco, essendo nato in germania, Alice Rorhwacher narra fotografando una natura viva e pulsante, capace di trattenersi nella memoria.
E siamo alla sua opera seconda.

Ed ecco un ottimo film, sembra di guardare l'opera di un grande autore, fresca e semplice, senza fronzoli alcuni, mai pesante o pedante.
Un ottimo presagio, anche se la presenza della Bellucci nel ruolo di Milly Catena presentatrice tv della trasmissione Il Paese delle meraviglie è un po' un ripiego per vendere il film all'estero, non mi soffermo sulla interpretazione della sovracitata "attrice".
Uno dei più bei film dell'anno appena trascorso, e senza dubbio meritevole di visione, sicuramente con gli anni verrà riconosciuto come un piccolo capolavoro.
Voto: 8



Commenti

  1. Trovo tanto difficile osservare un film con occhi puliti, senza influenze di pellicole affini. Come dici tu, a volte è necessario, almeno provare a farlo. Non ho visto questo film ma la tua premessa mi incuriosisce non poco...

    RispondiElimina
  2. il trailer mi aveva incuriosita, e poi anche la locandina del film, secondo me, è geniale nella sua essenzialità. l'anno scorso non son riuscita a beccarlo il sala, mi sa che devo riprovarci, a sto giro :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.