Passa ai contenuti principali

La Teoria del Tutto

Questo film è un capolavoro?
Ho i miei dubbi.
Senza dubbio è un film molto furbo, studiato a tavolino per deliziare il palato dell'academy e ammaliare il pubblico, mai sazio di storie drammatiche e strappalacrime, anche se di lacrime questo film non ne strappa nemmeno una goccia, ma è fatto e impacchettato per il grande pubblico, ed è pure fatto bene.

Stiamo parlando di un buon film, senza ombra di dubbio, non un capolavoro ma un buon film, certo la storia è scritta giusto per piacere al grande pubblico, anche se non capisce un tubo di scienza, poco importa, perchè il nostro Stephen Hawking, scenziato realmente esisito e malato di SLA per gran parte della sua vita ha studiato le origini della vita sulla terra, ateo convinto sostenitore della non esistenza di Dio, ha fatto passi da gigante nelle teorie sul big bang che hanno generato l'inizio della vita sulla terra.
Il film prende spunto dalla vita vera di Stephen Hawking interpretato da Eddie Redmayne ed è tratta dalla biografia Verso l'infinito, scritta da Jane Wilde Hawking ex moglie dell'astrofisico.
Un film imperfetto anche se sinceramente non è affatto male, prima di tutto perchè riesce a coinvolgere lo spettatore nelle poco più di due ore di durata, poi perchè l'impatto empatico è particolarmente evidente con scene molto suggestive, chi non si riconosce nei personaggi forse non apprezza questo genere di film.
Comunque sia è un film che riesce a colpire, nonostante gli evidenti difetti, che sono una trama piuttosto romanzata e semplicistica, la recitazione molto empatica dei personaggi risulta piuttosto costruita non spontanea e sincera, e una regia manieristica ne appesantiscono le infinite potenzialità di un opera che nelle mani di un regista più esperto sarebbe stata un capolavoro.
Ma Questa è Hollywood bellezza, il luogo dove tutto deve essere glamour, compresi i film.

Nel luogo dove tutto quanto fa spettacolo, anche la spettacolare vita di Hawking deve essere tale, rispondendo ai canoni classici del cinema hollywoodiano.
Pellicola perfetta per l'academy, sicuramente avrà collezionato il fior fiore di nomination all'oscar, si prospetta una sicura vittoria di qualche statuetta sicuramente sarà così.
Allora si può vedere questo film?
Certamente, anche se non è un ottimo film ma poco importa, mi è piaciuto per la capacità del protagonista di non arrendersi di fronte all'evidenza della malattia, anche se sarà dura continuare dato le difficoltà della sua salute che si presentano.
Un film certamente da vedere, senza aspettarsi per forza un capolavoro.
Voto: 6 e 1/2

 

Commenti

  1. Ciao! Seppure non è da chiamare capolavoro c'è qualcosa di curato benissimo in questo film, che prevale su tutto il resto e ti lascia l'idea di aver visto una cosa bella davvero. Ogni inquadratura è curata nei minimi particolari in una specie, spero di poter dire così, di ricerca della perfezione compositiva. Curate al dettaglio anche le interpretazioni dei due protagonisti, studiato ogni sguardo, il movimento di ogni muscolo. E questa cura io l'ho trovata bellezza più che un “interpretazione troppo costruita”. Scivola un po' troppo veloce il finale... Ma l'intento e il risultato di questa produzione sono buoni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti...non hai tutti i torti ^_^ Benvenuto alla fabbrica dei sogni...

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.