Passa ai contenuti principali

Secret Sunshine

Ancora un passo avanti per il grande regista coreano, che ritorna tra le pagine della fabbrica, per l'ultima recensione prima del grande ritorno quotidiano dove torneranno anche i film al cinema, per chiudere in bellezza le recensioni dei mesi festivi di natale capodanno e la befana, ho scelto Secret Sunshine

Si tratta di un film malinconico, di cui difficilmente il grande pubblico può trovare un forte approccio positivo, alcuni forse lo troveranno deprimente, altri struggente, insomma avete capito, non si tratta certamente di un opera che si guarda tanto per passare tempo.
Eppure, nonostante i presupposti non proprio positivi, è un film capace di parlare di un lutto non ancora elaborato, vissuto in silenzio, la protagonista dopo la morte del marito, sceglie di andare a vivere nella città in cui è nato e ricominciare una nuova vita con il figlioletto.
Quando si dice che le cose non le puoi prevedere, il bambino sparisce, e viene molestata da uno strano individuo che le chiede dei soldi...quando il bambino viene trovato morto le cose precipitano, non sa come reagire alla morte del figlioletto, nonostante i parenti piangono disperati e la nonna le urli addosso accusandola di freddezza.
Come spesso si dice, la disperazione silenziosa è la più straziante, si affida alla religione, e diventa una fervente credente, tanto per non sentire il dolore, quando però capirà finalmente dove andrà il suo destino, accanto a quello di un altro uomo lascerà perdere la religione per ricominciare a vivere, anche se dentro di se il ricordo del figlioletto sarà sempre presente.
Con Secret Sunshine Lee Chang-Dong si è superato.
Qui dirige la sua opera più difficile e complessa della sua carriera, e si nota con quanta attenzione ha voluto dirigere il film.
Questo film ti tocca in una maniera che non avevi previsto prima, innanzitutto ti mette in scena una donna non proprio perfetta, forse un po' matta, ma della quale ognuno di  noi può riconoscersi.
All'inizio non dice molto sul personaggio della madre, ma ci basta poco per conoscerla bene, per capire con quanti pregiudizi la gente la giudica e via dicendo...sappiamo che la considera strana perchè non è come loro, e considerano bizzarra la scelta di andare a vivere nella città dove è nato il marito.
Come potete vedere non ha molti amici, quei pochi che la avvicinano lo fanno più per curiosità piuttosto che per cominciare un rapporto con lei, fino a che il bambino non muore l'unica che le si avvicinata è stata una fervente religiosa che la  invitava alle funzioni in chiesa.
Fino a che non reincontra l'uomo che le ha dato un passaggio all'inizio del film e le cose cambiano per lei, anche se proverà di tutto per superare il dolore della morte del bambino, cosa che non riuscirà a fare, però imparerà a convinverci nonostante tutto.
Un film malinconico e delicato, intenso e doloroso, come soltanto Lee Chang-Dong riesce a fare.
Voto: 9


Commenti

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…