Passa ai contenuti principali

Mike Nichols Day - Una Donna in Carriera



E per il Mike Nichols Day organizzato da me medesima nel blog FICA della combriccola di colleghi blogger, ho voluto rendere omaggio al grande regista recentemente scomparso con uno dei film per cui l'ho conosciuto, e che sin da teenager volevo assolutamente vedere.
Immaginate me alla prima tv nel 1991 non me lo sono proprio fatto scappare, il giorno esatto in cui l'hanno passato sinceramente non lo so, ma poco importa perchè Una Donna in Carriera, che in originale si chiama Working Girl, nel bene e nel male ha segnato un epoca.

Si tratta di un piccolo cult di quando ero ragazzina, e allora Melanie Griffith, Harrison Ford e soprattutto Sigourney Weaver erano degli idoli, i primi due grazie a dei film particolari come Omicidio a Luci Rosse e Indiana Jones, dello zio steve, per non parlare della Weaver di Alien, qui nel ruolo di una cinica manager che fa come si dice un sicilia voleva fottere ed è rimasta fottuta.
La storia racconta di una segretaria a cui vengono idee vincenti, quella segretaria è Tess McGill che ha una brillante intuizione di fare acquisire a un importante compagnia una stazione radio, per salvarla e non farla vendere ai giapponesi, di cui non possono comprare per legge una compagnia americana, e  allo stesso tempo evitare la bancarotta.
Katherine Parker dopo aver ascoltato dalla sua segretaria fa una annotazione al suo amante Jack Trainer e le dice tenere fuori Tess.
La segretaria non si scoraggia e prende il posto del suo capo, si fa per dire, e fa l'affare con Trask il proprietario della rete televisiva, tutto bene finchè non torna Katherine dalla settimana bianca, e Tess che accidentalmente ha lasciato l'agenda sul tavolino della casa di Katherine e lei scopre che l'affare lo sta facendo la sua segretaria e la smaschera davanti ai membri della compagnia.
Quello che non sa è che Tess come Trask, ne sanno una più del diavolo, ed è proprio quando deve spiegare come ha avuto l'idea, Katherine non sa rispondere, e chiede aiuto a Jack...come finirà?
Non dico più niente, ho spoilerato abbastanza.

 Una donna In Carriera è il degno figlio degli anni 80, ed è la classica storia della segretaria che usa l'arguzia, e riesce a far carriera, come una novella cenerentola, che riesce ad uscire gli attributi, una volta la capa le vuole sfilare il merito dell'idea, con buona pace anche dell'uomo della capa che si innamora della segretaria.
Così la capa che voleva fare la furbona, ne esce cornuta e mazziata, perchè non si fanno le scarpe agli altri sottovalutandoli, la gente non è mica cretina.
Il tutto condito da una ironia intelligente e frizzante, dalla presenza di comprimari più che lodevoli, chi non ricorda Joan Cusack, Kevin Spacey e addirittura Alec Baldwin?
Ne fanno un film che è diventato ormai una sorta di cult per gli appassionati di cinema, un opera ormai imprescindibile che nonostante i 26 anni di vita non sembra invecchiato di un giorno.
Il merito sta nella regia arguta e intelligente di Mike Nichols che riesce ad essere ironico e intelligente allo stesso tempo, senza risultare banale o superficiale.
Fa un film esattamente per il tempo in cui è uscito, anche se poi come ben sapete è riuscito a trascendere il tempo rendendolo attuale ancora oggi, cosa rara di questi tempi.
Una commedia originale e divertente che racchiude il ritratto di un epoca ormai lontana eppure sempre presente.
Voto: 7 e 1/2

Qui Le Recensioni di altri amici Bloggers

Non c'è Paragone Il Laureato
Bollalmanacco  Chi ha paura di Virginia Wolf
Scrivenny Closer
Recensioni Ribelli Closer
Pensieri Cannibali La Guerra di Charlie Wilson
White Russian Sylkwood
Director's Cult   Wit
Montecristo Angels in America
Mari's red room Wolf la Belva e Fuori
Onironauta Idiosincratico Il Laureato

Commenti

  1. Che nostalgia, non lo vedo da anni ma quando lo passavano in TV era sempre un piacere guardarlo!
    "Caffè, thè.... mè?" XD

    RispondiElimina
  2. Cosa lo dico a fare? Questo mi manca. ANzi, non mi manca proprio del tutto... Guardando le immagini che hai postato mi sale alla mente qualche ricordo... Che ovviamente non mi può far dire se il film mi piaccia o meno. Bella recensione comunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ^_^ Cmq appena recuperi fammi un fischio che ti vengo a leggere ;)

      Elimina
  3. Non solo conoscevo solo di fama il regista, ma questo film non l'avevo neppure mai sentito nominare O___o

    RispondiElimina
  4. Devo averlo visto ai tempi della prima in tv del novantuno, ma prima o poi lo recupererò!

    RispondiElimina
  5. Prima o poi lo recupero (anche perché l'avevo già sentito nominare e sentito parlar bene)

    RispondiElimina
  6. Caffé, the... me? Adoro questo film!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.