Passa ai contenuti principali

Revenge - Stagione 2

Seconda stagione di Revenge.
Che dire, continua l'escalation di intrighi e misteri che avvolgono le vite dei grayson e di Amanda/Emily. Ci saranno parecchi colpi di scena, tutti inaspettati, come una morte disperata di una persona, anzi di diverse persone, ma di una in particolare verso il finale.
Lo volete sapere? Mi dispiace, non ve lo dico, non rivelo mai nulla in anticipo, so che presto comincierà la terza stagione che vedrò tutta d'un fiato come ho fatto con questa seconda stagione.
Rispetto alla prima stagione mi è sembrata piuttosto in calo, ma poi fortunatamente si è ripresa un pochino, gli intrighi, i misteri e i segreti ci sono tutti, quindi potete cominciare  a mettervi comodi e gustarvela se ancora non l'avete fatto.
Comunque sia eccocci di nuovo in ballo.
La seconda stagione prosegue su una strada del tutto differente rispetto alla prima, ad alcuni potrebbe infastidire anche perchè a volte si ha la sensazione di assistere a una pagliacciata, ma è soltanto una sensazione che andando avanti si affievolisce.
Non tutto è come sembra nemmeno in questa seconda stagione, dove il tutto è costruito non come lo spettatore se lo aspetta, ma come effettivamente non se lo aspetta.
Gli ideatori hanno avuto l'accuratezza di non essere scontati nemmeno in questa seconda serie,  e hanno costruito una trama differente rispetto alla prima stagione, senza nulla togliere alla tematica centrale, ovvero la vendetta di Amanda/Emily.
Jack diventerà papà, lo dico adesso anche se non sto spoilerando dato che nella prima stagione la falsa Amanda era incinta.
Ci sarà un ritorno di fiamma tra Daniel e Emily, all'inizio per scongiurare un operazione dell'initiative, che ha messo il ragazzo a capo della Grayson Global subentrando al padre.
Il resto non lo dico subito per non rovinarvi la sorpresa, comunque sia la seconda stagione pur essendo meno avvincente della prima risulta piuttosto intrigante nell'intreccio della trama e nella caratterizzazione dei personaggi, soprattutto quelli.
Victoria Grayson è sempre più cattiva, ma scopriremo un lato di lei del tutto sconosciuto in una puntata dove si sottolinea il rapporto controverso con sua madre.
Basta, non dico più nulla, guardatevela e poi mi dite.
Come serie guilty pleasure, non  ha decisamente rivali.
Voto: 6

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.