Passa ai contenuti principali

Mary and Max

Buon anno a tutti, avete festeggiato? Siete sazi vero? Nonostante il cenone di fine anno, io sono sempre qui, anche a capodanno si, ma lo sapete che la rece l'ho scritta l'anno scorso perchè per ora sono in vacanza come lo siete voi, per il primo dell'anno ho scelto di recensire Mary and Max il delizioso film d'animazione, ancora inedito da noi diretto da Adam Elliot e doppiato dal compianto Phillip Seymour Hoffman che da la voce a Max e dalla sempre brava Toni Collette che regala la voce a Mary.

Mary and Max è la storia di un amicizia epistolare tra un uomo con problemi psicologici  e una bambina che dura tutta la vita, e che nonostante tutto resiste nel tempo alle forti burrasche.
I protagonisti sono due outsiders che si ritrovano nonostante i loro problemi in una storia affettiva che trascende il tempo.
Il regista è particolarmente bravo nel carpire il riconoscimento dei due protagonisti con il pubblico, la cosa è palese e la si percepisce per tutta la durata; e tutti gli altri personaggi?
Sono in secondo piano, perchè i protagonisti sono questi due outsiders, persone con dei difetti, delle paure che bene o male riescono a conquistare il pubblico.
E' impossibile non rimanerne conquistati dalla loro amicizia, anche quando non si scrivono più e Mary dopo il matrimonio entra in una profonda crisi tanto da non riconoscersi, perchè nel frattempo il marito è scappato con un uomo, quindi è doppiamente abbandonata, soprattutto dopo la morte dei suoi genitori.

Un film delizioso e molto toccante, capace di conquistare il pubblico grazie alla storia, e alla capacità farti innamorare della storia, tanto che a fine visione, i due protagonisti diventano quasi tuoi amici.
E' impossibile non restare incantati da questa storia tanto semplice quanto efficace.
L'imput è nella capacità del regista di toccare con semplici scene creando forti emozioni.
Mary and Max rispetto ai soliti film d'animazione è più adulto e maturo, e si allontana dai classici canoni del genere, pur rimanendo fedele a certe regole, rimane un bellissimo esperimento che trae la sua forza nel suscitare emozioni reali, cosa rara di questi tempi per un film d'animazione.
Che quella tra Mary e Max sia ben più di una semplice amicizia lo si percepisce da subito, il finale è malinconico ma non vi dico nulla per non rovinarvi la sorpresa, dico solamente una cosa: correte a vederlo!!!
Voto: 8

 

Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.