Passa ai contenuti principali

Grace Posseduta

Ooooh ecco un altro horror, questa volta incentrato sulle possessioni demoniache.
Una possessione cominciata alla nascita di Grace che sembrerebbe la classica adolescente problematica che sembra una copia vivente di Carrie del film omonimo diretto da Brian De Palma.
Qui invece abbiamo una nonna bigotta iperreligiosa, che incute alla giovane ragazza una rigida educazione cattolica, la nostra protagonista sembrerebbe una classica sfigata, bersaglio dei compagni di classe, ma con una differenza: la ragazza è vittima di strani e bizzarri incidenti a lei incomprensibili, che piano piano riveleranno la loro forza malvagia.


Forze che si riveleranno incomprensibili alla ragazza e che la nonna le dice che appartengano addirittura alla madre.
La nonna stessa le dice che sta diventando come sua madre, e allora le instilla la paura per l'approccio con le sue pulsioni sessuali normali, le instilla la paura dei rapporti con i ragazzi e via dicendo.
E il diavolo? Fa capolino ovviamente soltanto che non lo si capisce fino allo sconvolgente finale, quando le carte si riveleranno scoperchiando un segreto nascosto a causa di un prete che ha fatto un patto con satana stesso, anche se nel film ha un altro nome, ma bene o male sempre diavolo è.
Un film senza dubbio intrigante, che nonostante non abbia una trama originale si fa guardare bene, e che nonostante le premesse - avevo una paura fottuta che fosse uno di quei classici horror tutto fumo e niente arrosto, invece si è rivelato una piacevole sorpresa - si fa vedere bene.
Non un capolavoro dunque, ma bene o male un film ben fatto, che con tutti i suoi difetti e la poca originalità fa il suo onesto lavoro, ovvero intrattenere il pubblico.

 I difetti come ho detto prima non mancano, una certa approssimazione nella sceneggiatura, la poca originalità nella trama, ma che bene o male interagisce con una visione differente rispetto a tanti film di possessioni diaboliche.
Spesso e volentieri si scade nel ridicolo involontario in questo genere di film, a volte si ha la sensazione di smarrimento, ma bene o  male se il lavoro di regia è onesto vengono destabilizzati da una concreta capacità di rendere plausibile la storia, il che è quello che succede in questo film.
Il regista sa bene come dosare il tutto, e bilancia senza mai scadere in scene orripilanti, anche se alla fine si scatta davvero dalla sedia ma non troppo.
Nonostante ciò è un film particolarmente riuscito, e non è da tutti i giorni in questo periodo, e nonostante i difetti si fa volere e vedere bene.
E' un film che piaciucchia, come non può anche piacere, ma comunque non scade mai nel banale e questo signori miei è più un pregio che un difetto.
In conclusione, senza infamia e senza lode, si può vedere, siii siii ^_^.
Voto: 6 e 1/2

Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.