Passa ai contenuti principali

Ouija

La qualità dei films horror a volte è un enigma per gli amanti del genere, a volte sono proprio stupidi, altre volte sono ben fatti e altre volte ancora sono da buttare via.
Questo film non so dove classificarlo, sinceramente non è un capolavoro nè lo sarà mai, al massimo se vogliamo dirla giusta sarà un film che lo si vede al massimo o una o due volte tanto per staccare la spina tra un film impegnato e l'altro.

Perchè dico questo? Perchè sinceramente la rappresentazione della paura sul grande schermo anche se è ben curata, non fa più lo stesso effetto che faceva prima. E' già stato fatto da altri registi, e quindi le tematiche sono già state scritte e riscritte con le regole, e inventarsi di sana pianta un horror dal nulla è diventata un impresa al quanto impossibile: prima perchè non ci sono più gli autori di un tempo, poi perchè il mercato va come deve andare e l'inventiva, il colpo di genio ormai appartengono a coloro che hanno fatto la storia.
Ci sono sempre le eccezioni che sanno rappresentare meglio l'horror, vedi la sorpresa The Babadook precedentemente recensito, tanto per fare un esempio, ma sono sempre tematiche già prese da altri, film derivativi anche se ben fatti e studiati, non a caso l'ho messo tra i miei horror preferiti.
Ouija invece è la classica storia di fantasmi - sai la novità - in cui i protagonisti usano la famosa tavoletta per parlare con gli spiriti, ma si presenta uno spirito cattivo DZ che uccide tutti coloro che usano la tavoletta, ma c'è un mistero da sbrogliare, riusciranno i nostri protagonisti a scoprire la verità sulla morte di Debbie e sconfiggere lo spirito cattivo?

In sostanza, la trama del film è questa qui.
Film che si presenta come una deviazione del genere sedute spiritiche, in cui ci sono tre regole precise, mai farlo da soli, mai farlo vicino a un cimitero e salutare sempre.
Horror psicologico che si presenta un po' come la maggioranza degli horror recenti, un prodotto di intrattenimento nudo e crudo, con poca infamia e pochissime lodi, insomma non è certo una pellicola che si ricorda facilmente, ma è scritta molto bene questo si, e da parecchia tensione durante la visione, anche se la paura non abita dietro quella porta, oops dietro questa pellicola per fare una precisazione.
Se volete davvero spaventarvi so io quali titoli vi posso consigliare, ma questo è bene vederlo tra un ottimo horror e l'altro, tanto per staccare la spina.
La paura quella vera non la da certo questo film, un po' di tensione si, ma è poco per fare davvero un buon horror.
Voto: 4 e 1/2

Commenti

  1. Mah, secondo me questo film non "è bene vederlo" proprio ed è meglio concentrarsi solo sugli horror che meritano :P

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.