Passa ai contenuti principali

Dance me To my Song

Questo film è da vedere Punto.
Primo perchè è una storia allo stesso tempo straziante e dolorosa, poi perchè è impossibile non amarlo.
Durante la visione ho come avuto l'impressione di assistere alla crudeltà umana, che i due registi sottolineano in maniera realistica, cruda, in modo da non lasciare scampo allo spettatore.



Heather Rose, la protagonista del film è davvero paraplegica, l'unico modo di comunicare col mondo è attraverso un computer.
La persona che mi ha fatta incazzare di più è stata la badante, l'avrei picchiata, perchè tratta male la persona di cui si deve occupare, la picchia pure, l'unica cosa che le interessano sono i soldi, che praticamente li ruba non occupandosi di lei.
Il suo lavoro di badante gli serve per pagarsi gli studi e avere una buona occasione per trovare uin altro lavoro.
Quindi la nostra protagonista è doppiamente sfruttata.
Rolf De Heer, che in passato ho visto il film Alexandra's Project con questo film spinge maggiormente il pedale della resistenza alla crudeltà umana.
E' un regista come dico sempre io senza peli sulla lingua, o lo si ama o lo si odia non ci sono vie di mezzo, primo perchè induce lo spettatore a una riflessione sull'animo umano, poi mostrando la crudeltà di cui l'uomo è capace lo fa indignare, un po' come gettare merda in faccia e vedere la reazione del pubblico per dirla con parole semplici.
I suoi film sono  pugni nello stomaco...prendere o lasciare.
L'unico uomo che capisce la protagonista di cui si innamorerà è il suo vicino, che la badante vede un po' come una minaccia, e ci prova pure...che troiaaaaaaaaa!!!
Quindi, avete capito che questo film mi è piaciuto non è vero?
Consigliatissimo, a vostro rischio e pericolo però, ma sono sicura che il mio consiglio lo metterete da parte di fronte a una storia così commovente capace di spezzarti in due dal dolore.
Voto: 9





Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.