Passa ai contenuti principali

Matinèe

Questo è un piccolo cult...anzi, un piccolo ma GRANDE cult.
Poche storie, Joe Dante è un regista capace di creare piccoli capolavori cinematografici, lo ha dimostrato con altre pellicole da me recensite in precedenza, e lo dimostra anche con quella che potrei definire forse il suo capolavoro assoluto.

Si perchè questo non è solo un semplice film nostalgico, ma si tratta di un vero atto d'amore per la settima arte.
Tutti i registi prima o poi hanno girato un film sul cinema, Tim Burton ha fatto il suo, Truffaut pure, e anche Joe Dante si è tuffato nella magica sala cinematografica stavolta, per raccontare con orgoglio e nostalgia i tempi dei Matinee, ovvero quei cinema che programmavano film di fantascienza e horror negli anni sessanta, le cui proiezioni erano di mattina.
Operazione nostalgia? Non direi, potrei sostenere che è uno sconfinato amore per un genere cinematografico a lungo vilipeso, come quello di fantascienza e horror, che sono a tutt'ora i generi di cinema che tocca il grande Joe Dante.

Film dimenticato, che meriterebbe una riscoperta dato che allora credo non se lo sia filato proprio nessuno, forse pochi appassionati di cinema che hanno capito il valore di questo piccolo ma grande gioiellino.
Come succede sempre è il tempo che rivela il valore di un opera cinematografica.
Nonostante non abbia poi incassato molto...ma questo è solo il rovescio della medaglia.
Questo tanto business cinematografico non vale un fico secco se c'è di mezzo la qualità e il valore di un film, che non tiene conto del guadagno di un opera, ma soltanto della sua capacità a resistere nel tempo, proprio come succede a Matinee.
Da vedere e rivedere un infinità di volte, sono sicura che non vi stancherete mai di vederlo.
Voto: 8


Commenti

  1. Dio che gran film! ;-) Joe Dante è uno di noi, e prima del finale di "Bastardi senza gloria" il miglior finale ambientato in un cinema, proveniva da questo film ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.