Passa ai contenuti principali

Mad Max Fury Road

Premessa:
Prima di recensire il film scrivo questa premessa.
Non ho visto i precedenti film di mad max, quindi il mio giudizio si limita solo a questo quarto seguito, in futuro recensirò anche gli altri promesso, per ora limitiamoci a recensire questo film.

Allora, fermo restando che il film mi è piaciuto, e ora vi dimostro in che modo mi è piaciuto; dobbiamo dire che l'opera in se, nonostante sia un film di quelli fatti per incassare, dimostra di avere le palle per essere un opera che va al di là del semplice blockbuster.
Non è da tutti i giorni dirigere un film per il botteghino ma che dimostra dei contenuti non da poco, poi alla regia abbiamo un professionista come George Miller che ha diretto praticamente tutta la saga.
Qui i protagonisti cambiano, ma la voglia di lottare per la giustizia e il bene dell'umanità è presente, e non c'è solo Mad Max, personaggio interpretato nei precedenti capitoli da Mel Gibson, qui invece è il supermitico Tom Hardy a vestire i panni del giustiziere apocalittico, vi sembra poco? Sulla carta sembra un prodotto perdente già in partenza?
Mi dispiace per voi, è qui che vi sbagliate, il film risulta fresco e originale, ricco di tensione e colpi di scena, e non mancano nemmeno le scene d'azione, tutto in nome di sconfiggere un despota cattivo in nome della libertà.
Abbiamo finalmente una coprotagonista coi controcoglioni, scusando il termine, che praticamente fa il culo all'imperatore, che sarebbe il cattivo di turno, e si allea con Mad Max, anche se all'inizio ci sarà un duello senza esclusione di colpi.
Insomma gli ingredienti ci sono tutti per piacervi, mancate soltanto voi, sempre che volete vederlo ovviamente, io non me lo sono fatto scappare e mi è piaciuto non poco, anzi molto...moltissimo e scusate se è poco.
Voto: 8




Commenti

  1. Film dell'anno, 30 anni di attesa sono stati premiati ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. No, non è affatto poco anzi... nel suo genere è un vero capolavoro. Una delle sorprese dell'anno!

    RispondiElimina
  3. anch'io non ho visto gli altri, e dopo questa pietra miliare non me ne viene nessuna voglia

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.