Passa ai contenuti principali

Samba

Ok, come dice un vecchio proverbio, non tutte le ciambelle vengono col buco.
Dagli autori del bellissimo film Quasi Amici ecco un altro film, questa volta una commedia particolare che affronta il tema dell'immigrazione.



Siamo a un livello decisamente diverso dal predecessore, che a differenza di questa opera è brillante e divertente pur affrontando il tema difficile della disabilità.
Questo non succede con Samba, e si perde dietro a una lagna che dura dall'inizio alla fine affossando tutta l'ironia che a differenza ha reso brillante l'opera precedente.
Si è vero, sono storie diverse, ma qui dovevano spingere il pedale dell'ironia, e ne sarebbe uscito un altro capolavoro, questo è poco ma sicuro, peccato perchè il film ha potenzialità pazzesche che vengono schiacciate dall'incapacità dei due registi di non saper parlare attraverso la telecamera, e peggio ancora di non saper creare quella speciale alchimia con lo spettatore capace di riconoscersi nei personaggi.
No, non ci siamo, un piccolo passo in dietro, rispetto al favoloso Quasi Amici.

Omar Sy è sempre bravo, anche se il suo personaggio che da il nome al film, risulta un po' barboso...quanto ho adorato il suo ruolo di Quasi Amici lo possono capire solo chi ha amato quel film!
Non ci sono altre spiegazioni.
Samba rimane un film imperfetto, un po' politically correct, che non guasta mai, ma senza andare nel profondo nel denunciare davvero le condizioni di lavoro degli immigrati, specialmente in un paese come la francia, che è governato dal Front Nacional, partito razzista di destra.
Beh, come si suol dire, al cinema c'è lo spettacolo, poco importa se la storia non decolla mai e si regge su fondamenta d'argilla.
L'importante è incassare.
Anche se sinceramente parlando durante la visione rischiate di addormentarvi...
Voto: 5


Commenti

  1. Mi sta aspettando, ma non ho mai trovato la voglia di vederlo davvero... Aspetto l'estate, i fiori sugli alberi, ogni scusa è buona ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.