Passa ai contenuti principali

American Crime Story - The Assassination of Gianni Versace

Ci siamo, ho terminato di vedere la seconda stagione di American Crime Story, come è andata la visione?
A prima vista sono rimasta perplessa, poi ho capito una cosa che me l'ha fatta comprendere meglio: The Assassination of Gianni Versace non poteva essere narrato come la prima stagione.
Se The People Vs OJ Simpson aveva tutte le caratteristiche della narrazione da legal thriller, con The Assassination of Gianni Versace abbiamo una narrazione diversa: ci troviamo di fronte a un escalation di terrore ordita dal vero protagonista, che non è il noto stilista italiano, ma il suo assassino Andrew Cunanan, un omosessuale represso che nell'ultimo mese della sua esistenza ha sparso una scia di sangue senza alcuna ragione precisa apparentemente.
Fermo là!!!


Ci troviamo accanto a lui, avvertiamo la sua presenza, capiamo che tutto quello che dice e pensa è frutto di una immagine costruita ad hoc per scoparsi giovani e ricchi uomini d'affari e sfruttarli per fare la bella vita.
Qualcosa però si inceppa in questo suo strano mondo: molti di questi uomini ricchi lo mollano, alcuni perché non hanno detto alla propria moglie della propria omosessualità, altri non l'hanno detto ancora in famiglia, altri ancora perché accortisi che tutto ciò di cui parla è frutto della sua mente e della sua fantasia, insomma un contaballe.
In più Cunanan è anche un escort di lusso.
La narrazione non procede in modo lineare, ma comincia appunto con l'omicidio Versace, per poi andare a ritroso e scavare nella mente deviata di Cunanan per scoprire il perché è accaduto tutto questo.
Stavolta per la seconda stagione, la creatura di Alexander e Karazewsky con il benestare di Murphy e Falchuck, affonda le radici di una storia ben poco sviluppata da altri prodotti televisivi, e anche più rischiosa.
Stavolta i due showrunner, ci fanno entrare nella testa di un assassino, e scopriremo il perché ha cominciato ad uccidere, all'inizio ho storto il naso, poi verso la fine ho capito che questa narrazione aveva un suo perché.
American Crime Story alla fabbrica torna l'anno prossimo con Impeachment dove scopriremo finalmente la storia dello scandalo che ha fatto tremare il presidente Bill Clinton e la sua relazione con Monica Lewinsky.

La Famiglia Versace, vittima sorella e amante!! (con l'assassino)


Commenti

  1. Le prime due puntate le avevo trovate un po' flosce, poi gli ho voluto bene. Non ai livelli della prima stagione, ancora inarrivabile, ma col mio compagno ci siamo fatti anche parecchie risate davanti al terrificante "italienglish" usato dai protagonisti nei flashback ambientati in Italia. Ovviamente, attendo spasmodicamente la terza stagione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io bollicina, anche io, la vedrò l'anno prossimo perché ho un sacco di serie da vedere xD

      Elimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!