Passa ai contenuti principali

American Crime Story - The Assassination of Gianni Versace

Ci siamo, ho terminato di vedere la seconda stagione di American Crime Story, come è andata la visione?
A prima vista sono rimasta perplessa, poi ho capito una cosa che me l'ha fatta comprendere meglio: The Assassination of Gianni Versace non poteva essere narrato come la prima stagione.
Se The People Vs OJ Simpson aveva tutte le caratteristiche della narrazione da legal thriller, con The Assassination of Gianni Versace abbiamo una narrazione diversa: ci troviamo di fronte a un escalation di terrore ordita dal vero protagonista, che non è il noto stilista italiano, ma il suo assassino Andrew Cunanan, un omosessuale represso che nell'ultimo mese della sua esistenza ha sparso una scia di sangue senza alcuna ragione precisa apparentemente.
Fermo là!!!


Ci troviamo accanto a lui, avvertiamo la sua presenza, capiamo che tutto quello che dice e pensa è frutto di una immagine costruita ad hoc per scoparsi giovani e ricchi uomini d'affari e sfruttarli per fare la bella vita.
Qualcosa però si inceppa in questo suo strano mondo: molti di questi uomini ricchi lo mollano, alcuni perché non hanno detto alla propria moglie della propria omosessualità, altri non l'hanno detto ancora in famiglia, altri ancora perché accortisi che tutto ciò di cui parla è frutto della sua mente e della sua fantasia, insomma un contaballe.
In più Cunanan è anche un escort di lusso.
La narrazione non procede in modo lineare, ma comincia appunto con l'omicidio Versace, per poi andare a ritroso e scavare nella mente deviata di Cunanan per scoprire il perché è accaduto tutto questo.
Stavolta per la seconda stagione, la creatura di Alexander e Karazewsky con il benestare di Murphy e Falchuck, affonda le radici di una storia ben poco sviluppata da altri prodotti televisivi, e anche più rischiosa.
Stavolta i due showrunner, ci fanno entrare nella testa di un assassino, e scopriremo il perché ha cominciato ad uccidere, all'inizio ho storto il naso, poi verso la fine ho capito che questa narrazione aveva un suo perché.
American Crime Story alla fabbrica torna l'anno prossimo con Impeachment dove scopriremo finalmente la storia dello scandalo che ha fatto tremare il presidente Bill Clinton e la sua relazione con Monica Lewinsky.

La Famiglia Versace, vittima sorella e amante!! (con l'assassino)


Commenti

  1. Le prime due puntate le avevo trovate un po' flosce, poi gli ho voluto bene. Non ai livelli della prima stagione, ancora inarrivabile, ma col mio compagno ci siamo fatti anche parecchie risate davanti al terrificante "italienglish" usato dai protagonisti nei flashback ambientati in Italia. Ovviamente, attendo spasmodicamente la terza stagione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io bollicina, anche io, la vedrò l'anno prossimo perché ho un sacco di serie da vedere xD

      Elimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

Il Collezionista di Carte

 Una produzione targata Martin Scorsese , da sempre amico e collaboratore di Paul Schrader , che gli ha scritto diversi film, stavolta tornano insieme il primo come produttore esecutivo, il secondo come regista, per un film che narra le gesta di un giocatore di poker dal passato oscuro, mi sarà piaciuto?

The OA

 Alla fine ce l'ho fatta, sembrava una serie pallosa, ma è tutt'altro che pallosa, appena ho cominciato a vederla nel lettore e in tv non sono riuscita a smettere, e gli episodi restanti che dovevo vedere alla fine li ho visti tutti d'un fiato, vi sembra strano? Assolutamente no, restate con me per intraprendere un viaggio incredibile con una delle serie migliori di quest'anno.

The Spooky Season - I consigli Horror di zio Tibia

 Ciao zombetti, Arwen deve avermi ascoltato, sono qui alla fabbrica per invitarvi a seguire i miei consigli horror per la Spooky Season. E ci sarà anche la settimana horror alla fabbrica, Arwen mi ha detto che mi darà spazio, e faremo le recensioni doppie, io con il mio punto di vista e lei con il suo, che cara... Intanto cliccate sul link  click  dove vi consiglio Nightbooks racconti di Paura, ma questo è solo il primo film, ce ne saranno altri ancora. Un abbraccio zombetti dal vostro caro zio tibia.