Passa ai contenuti principali

Il Collezionista di Carte


 Una produzione targata Martin Scorsese, da sempre amico e collaboratore di Paul Schrader, che gli ha scritto diversi film, stavolta tornano insieme il primo come produttore esecutivo, il secondo come regista, per un film che narra le gesta di un giocatore di poker dal passato oscuro, mi sarà piaciuto?
Lo dico subito, senza troppi giri di parole: questo film è lentissimo, e dubito che possa piacere al grande pubblico, ma questa lentezza ha un suo perché, ed è pienamente giustificata dalla storia.


Non è un film noioso, ci tengo a puntualizzare, ma, è di difficile fruizione, soltanto perché mostra la storia di un uomo, che intende cancellare il suo passato, e lo fa perchè vuole cambiare vita.
L'unico modo possibile è utilizzare la sua abilità nel contare le carte, così vaga da casinò a casinò in per raccogliere soldi e giocare.
Tutto cambia quando nel suo cammino incontra un ragazzo in cerca di vendetta per la morte del padre, tutti e due hanno un conto in sospeso con un colonnello, William per le torture subite, Cirk per il suicidio del padre.
William cerca di tenere lontano il ragazzo dai suoi propositi vendicativi, e lo fa giocare con lui al casinò a poker, ma la vendetta è un piatto che va servito freddo, e il ragazzo affronta il colonnello...
Quando William si accorge che il confronto ha fatto perdere la vita a Cirk, ci pensa lui a sistemare le cose.
Un film difficile e compllesso, molto toccante nella ricostruzione in flashback della vita del suo protaognista, un Oscar Isaac in grandissima forma, anche i suoi comprimari non sono da meno.
Il Collezionista di Carte è un opera che denuncia il dolore causato nelle carceri dai prigionieri di guerra, i flashback che raccontano la vita di William Tell il protagonista della storia, sono un autentico pugno nello stomaco.
Infatti William è un tipo molto meticoloso, quando alloggia in albergo copre il tutto con delle lenzuola per non lasciare traccia di se.
Alla fine tutti quanti dobbiamo affrontare il nostro passato che lo vogliamo o no.
Ecco questo è uno di quei film da aggiungere nei preferiti, perché parla tantissimo al pubblico, anche con pochissimi dialoghi.
La regia di  Schrader è meticolosa come il suo protagonista, tagliente, sincera e smaliziata, e sono pochi i film che ti fanno riflettere come questo qui.
Sicuramente uno dei migliori film dell'anno.





Commenti

  1. Non è un film perfetto, ma la vicenda e il protagonista sono talmente magnetici che la mancanza di ritmo in alcune sequenze si fa presto perdonare.

    RispondiElimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

The OA

 Alla fine ce l'ho fatta, sembrava una serie pallosa, ma è tutt'altro che pallosa, appena ho cominciato a vederla nel lettore e in tv non sono riuscita a smettere, e gli episodi restanti che dovevo vedere alla fine li ho visti tutti d'un fiato, vi sembra strano? Assolutamente no, restate con me per intraprendere un viaggio incredibile con una delle serie migliori di quest'anno.

The Spooky Season - I consigli Horror di zio Tibia

 Ciao zombetti, Arwen deve avermi ascoltato, sono qui alla fabbrica per invitarvi a seguire i miei consigli horror per la Spooky Season. E ci sarà anche la settimana horror alla fabbrica, Arwen mi ha detto che mi darà spazio, e faremo le recensioni doppie, io con il mio punto di vista e lei con il suo, che cara... Intanto cliccate sul link  click  dove vi consiglio Nightbooks racconti di Paura, ma questo è solo il primo film, ce ne saranno altri ancora. Un abbraccio zombetti dal vostro caro zio tibia.