Passa ai contenuti principali

Sense8 - Stagione 1

Finalmente!!
Sono riuscita a vedere tutta la prima stagione, le volte precedenti ci sono stati impedimenti, un po' perché avevo voglia di guardare film, un po' per altri casini, non sono riuscita a terminarla, fino a questa estate.
L'entusiasmo per questa serie non è grande, è ENORME, scusate il termine, ora vi spiego il perché.
Questa serie è un evento senza precedenti nella storia della serialità televisiva e internettiana, così come lo è stato per certi versi Twin Peaks.
Troppo avanti per i tempi, e secondo me è anche troppo per un sito di consumo come Netflix.
Se fosse stata trasmessa in tv, magari avremmo avuto una terza, o quarta stagione.
Comunque sia, allacciate le cinture, perché se cominciate a guardarla, farete un viaggio che vi sorprenderà.
Una serie che mette in primo piano esseri umani in connessione tra loro grazie alla capacità telepatica della loro empatia, e si aiutano a vicenda appena le cose si mettono male.
Una serie ricchissima di emozioni, ricchissima di tutto, una serie che è troppo, per quello che è trasmette, troppo bella, troppo sincera, troppo emozionante...potete aggiungere altri aggettivi.
Questa recensione l'ho scritta appena terminato di vederla, cioè ieri pomeriggio, infatti l'ho programmata per mezzanotte, perché è ormai di regola, che alla fabbrica ci devono essere solo due serie tv a stagione per settimana.
Questo fino al mese prossimo, dove sto pensando di aggiungerne una serie senza preoccuparmi della scadenza settimanale e recensirla quando la finisco.


Ci sono 8 sensate, in connessione tra loro, e questa connessione è cominciata quando Angelica si è suicidata; a proteggerli c'è Jonas, un altro sensate che li aiuta nelle loro avventure.
All'inizio sono spaventati di questa loro abilità, poi capiscono grazie a Jonas che cos'è e si aiutano a vicenda.
Personaggio preferito? Nomi Marks, la adoro, che ansia quando il dottore voleva operarla, momento preferito? Quando tutti i sensate cantano What's up dei 4 non blondes, e liberano finalmente nomi, poi la lunga orgia con in sottofondo Demons di Macy Gray.
E ce ne sarebbero tanti altri, altro personaggio preferito? Lito, attore gay che imparerà una grande lezione d'amore grazie all'uomo che ama, e a una loro amica che torna nelle grinfie di un uomo violento, ma loro sapranno risolvere la situazione.
Una serie che è impossibile non vedere, ed è impossibile da non amare.
Una serie che usa la fantascienza e facoltà umane ampliate, per parlare d'amore, e di sentimenti come non se ne sono viste sia online che su piccolo schermo.
E potrei parlare all'infinito, le sorelle Watchowski, hanno ideato una serie rivoluzionaria, che farà la storia delle serie tv, io ovviamente continuerò a guardarla anche la prossima settimana con la seconda stagione - tranquilli, la guarderò per intero, e non vi lascerò a bocca asciutta - perché voglio sapere se Whisper, cioè il cattivo, la smetterà di perseguitare i sensate e viene sconfitto.
Per saperlo non mi resta che cominciare la seconda stagione.
Intanto per me è un capolavoro e per me le Watchowski sono due fottuti geni.
Questa serie fa ormai parte del mio olimpo personale.
La prossima serie che recensirò sarà Mindhunter - Stagione 2




 

Commenti

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!