Passa ai contenuti principali

Blow Up - di Michelangelo Antonioni

Blow Up è un film di immagini ed è attraverso le immagini che si racconta la storia, un film interessante dal punto di vista cinematografico uno dei migliori che ho visto fino ad ora, Antonioni costruisce un enigma che non si risolverà mai, ma che è il centro della storia.
L'inizio è folgorante, vediamo il fotografo David Hemmings fotografare le sue modelle, le tratta come oggetti da usare, le stesse modelle non sembrano umane, sembrano tanti manichini che si muovono a comando, sono inanimati, senza parole e volontà una delle scene mitiche è quando mima un rapporto sessuale con la modella Verushka, Hemmings la usa come un oggetto e la domina per poi lasciarla da sola per terra senza sentimenti senza niente, ma cosa ci vuole dire Antonioni con questo incipt? Che quella vita che il fotografo detesta è una vita inanimata e per questo da non tenere in considerazione? Nonostante il suo odio per il suo lavoro è proprio l'obbiettivo della macchina fotografica che in un parco incrocia una coppia e la fotografa Vanessa Redgrave la donna lo raggiunge a casa sua per ottenere i negativi delle foto, cerca di sedurlo ma il fotografo le da il rullino sbagliato
Ma sviluppando le foto si accorge che in quel parco c'è stato un delitto, e come un detective attraverso la tecnica del Blow Up (che da il titolo del film) scopre questo misfatto ma non passa molto tempo che spariscono anche questi ingrandimenti.
Nonostante ciò il film è un campionario di corpi del desiderio, corpi che si cercano come la scena in cui due modelle si strappano i vestiti fino a rimanere nude, una scena animalesca ma di un erotismo rovente che lascia il segno, quasi come fosse un balletto orgiastico, un gioco, una provocazione.

I rapporti umani in questo film sono vuoti, non c'è comunicabilità non c'è sentimento, i personaggi sono avvolti in un desiderio che non viene mai appagato del tutto ed è forse questa la forza di questa pellicola che considero un capolavoro assoluto, menzione speciale alla grandissima Vanessa Redgrave, la scena in cui si spoglia per sedurre il nostro protagonista è quella che preferisco, non c'è amore solo la voglia di nascondere il misfatto...ma questo misfatto non è forse frutto dell'immaginazione del protagonista?
Ma cosa è avvenuto realmente? E perchè le fotografie sono sparite? Ritornando in quel parco il giorno dopo anche il cadavere sparisce proprio come quelle foto, e nonostante lo dice al suo amico non viene creduto del tutto.
Alla fine in quello stesso parco alcune persone con il volto truccato di bianco (le stesse che appaiono all'inizio del film) giocano una partita a tennis immaginaria senza racchette e senza pallina.
Ed è proprio questo vuoto in cui Antonioni ci comunica che non tutto è come lo immaginiamo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.