Passa ai contenuti principali

Le notti di Cabiria - di Federico Fellini

Le notti di Cabiria
Cabiria è una piccola prostituta romana che a differenza delle altre nell'animo è una persona onesta gentile e buona, con mille sacrifici ha messo su una piccola casettina - un buco in realtà - vivendo con il mestiere più antico del mondo ma nonostante ciò riesce sempre con un sorriso e un alzata di spalle ad andare avanti...fino all'incontro con un uomo di cui si innamora e che la ingannerà.

Commento
Uno dei film più commoventi che abbia mai visto, con questo film mi sono innamorata di Giulietta Masina che qui è davvero straordinaria, la sua cabiria è una donna onesta e pulita ma per la povertà e la miseria fa il mestiere più antico del mondo, ma non è la classica battona come la sua amica Wanda, Fellini la disegna come un piccolo Clown una caricatura ma che dentro possiede una voglia di vivere e un ottimismo contagiosi, va sempre vestita con una pelliccetta e una zazzeretta e quando la vedi con le altre passeggiatrici notturne dici lei è fuori posto in mezzo a loro.
Cio' che mi ha colpito di questo film è la purezza d'animo di Cabiria, la sua dolcezza e la sua onestà nonostante ciò incontra nel suo cammino uomini che la vogliono sfruttare come nella scena d'inizio in cui Cabiria viene gettata da uno degli uomini che dice di volerle bene...
In un altra scena vediamo anche un attore famoso interpretato da Amedeo Nazzari che usa Cabiria per fare un dispetto alla sua amante dopo un battibecco per strada, non appena la sua amante lo raggiunge lui allontana Cabiria...Fellini cosa ci vuole dire con questo film?
Che al mondo non c'è posto per una persona buona come lei? Che al mondo le donne come Cabiria devono essere usate per farne una caricatura dei propri sogni quasi come fossero persone da usare per uno spettacolo e mettere in scena ciò che uno desidera di più?
Tutto il mondo attorno a lei è falso ipocrita, persino Oscar l'uomo di cui lei si innamora e che è fonte di una nuova speranza di cambiare vita - fingendo di non avere capito il suo mestiere - la raggira facendole credere di volerla sposare, Cabiria gli crede ad ogni costo bellissima la scena in cui urla Wanda...Wanda...lui me vole bene mi sposo, vediamo la sua felicità e la gioia di un nuovo amore...il finale è spiazzante perchè tu come spettatore vorresti che Cabiria si sposasse, e che non faccia più quel lavoro che non le appartiene, rimani coinvolto nella sua felicità e Fellini è bravissimo a raccontarla tanto quanto è brava sua moglie Giulietta Masina, alla fine poi scopriamo le vere intenzioni di Oscar che intende ucciderla per prendersi quei pochi soldi che ha come non commuoversi quando lei urla l'hai fatto per i soldi?
Quello sguardo pieno di lacrime del finale che ci racconta che non c'è più speranza per Cabiria seguito da quel sorriso di una nuova speranza quando quella comitiva balla e suona intorno a lei è una delle scene più belle e commoventi della storia del cinema grandissimo film da non perdere assolutamente se non l'avete visto ancora correte subito a vederlo.


Commenti

  1. è uno dei film più belli del cinema, non a caso pure Andrè Bazin lo disse. La Masina parla con un solo sguardo, questa è la sua migliore intepretazione.

    RispondiElimina
  2. quanto mi fa piangere la scena finale :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.