Passa ai contenuti principali

Una relazione Privata - di Frédéric Fontayne

Una relazione privata
Trama
Un uomo e una donna senza nome si incontrano in un motel grazie a una inserzione e vivono la fantasia di un rapporto basato solo sul sesso...quando il sesso si trasforma in amore, le cose diventano più complicate....

Commento
Uno dei migliori film che ho visto quest'anno, Fontayne ci dona un piccolo gioiello sull'astuta analisi del rapporto tra uomo e donna, il titolo originale suona così Une liaison pornografique, fortunatamente non c'è nulla di pornografico nel film anzi, l'ho trovato intelligente delicato e sincero.
Menzione speciale alla grandissima Nathalie Baye giustamente premiata a Venezia con la coppa Volpi.
Ma andiamo al dunque tramite un inserzione una donna e un uomo si incontrano e vivono una fantasia basata solo sul sesso, il loro rapporto è chiuso dentro le quattro mura di una piccola stanza di motel dove sfogano la loro fantasia, e fin qui il rapporto è sicuro di se, spensierato e senza inibizioni, appena irrompe con forza l'amore il rapporto cambia piano piano, lo spettatore non lo capisce subito ma lo intuisce appena, cominciano a parlare e in una occasione vanno pure a cena insieme, tutto avviene con una delicatezza tale che lo spettatore ne rimane conquistato, quando il loro rapporto si trasforma la spavalderia lascia il posto alla timidezza e alla paura, irrompe il silenzio non c'è quel lieto fine che lo spettatore si aspetta (a me sarebbe piaciuto vederli insieme) ma al contrario irrompe una malinconia devastante che ti lascia una tristezza interiore per questo il film è molto bello e ve lo consiglio anche per riflettere sul rapporto tra uomo e donna.
Una relazione privata è una spietata messa in scena dei sentimenti umani quasi come se l'amore stesso fosse pornografico o proibito...da collezionare


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.