Passa ai contenuti principali

Easy Rider - di Dennis Hopper

Trama
Billy e Wyatt, decidono di intraprendere un viaggio in assoluta libertà con le loro moto i cui serbatoi sono imbottiti di droga, verso la grande New Orleans...verranno arrestati per avere sfilato insieme ad una banda senza avere il permesso, lì conosceranno un avvocato che si unisce a loro.

Commento
Per Easy Rider lascio un commento parlando di questo grande film, la mia non vuole essere una critica, ma una sintesi delle sensazioni che questo film mi ha lasciato.
In assoluto è stata una sorpresa, l'opera prima di Dennis Hopper ha fatto la storia del cinema non ci sono dubbi e oggi come quarant'anni fa rimane attuale nonostante il passare del tempo.
Film simbolo della controcultura degli anni sessanta, in questo film che si apre con una lunga carrellata su Billy e Wyatt e dopo sette minuti partono i titoli di testa ti da un senso di libertà già dai primi fotogrammi, la cosa che ti conquista - e qui si ricorre sempre alla critica verso la famosa borghesia, sempre presente nelle pellicole di quegli anni - E' la fotografia di una società piena di contraddizioni e di pregiudizi, grandissime le scene di quando guidano le moto negli spazi infiniti dell'america.
Del film mi è piaciuto anche che i protagonisti fanno la loro scelta e non pretendono di essere accettati nè tanto meno compresi, si vede la società bacchettona e bigotta di quelli che li deridono per i capelli lunghi e quelle stesse persone, grette e mediocri, che nonostante loro non disturbano nessuno cercano in tutti i modi di perseguitarli - impressionante la scena in cui picchiano l'avvocato fino a farlo morire - quella scelta di libertà per cui hanno fatto questo viaggio e di fuggire da una società medio borghese di strafarsi di cocaina o di fumare marjuana, come gli hippies infatti è stato girato in piena rivoluzione sessantottina,
c'è una sequenza al bar in cui vi sono un gruppo di ragazzine che li ammirano, e un gruppo di uomini che li criticano per i capelli lunghi e per come sono vestiti.
Il gioco delle apparenze la dice lunga, e Hopper è bravissimo a mettere in luce questi contrasti, come dire allo spettatore ehi, guardate qui questi due modi diversi di pensarla, noi viviamo in assoluta libertà, ci sono le ragazzine che pur non capendoci vogliono fare il giro sulla moto, e ci sono questi tizi che vogliono farcela pagare perchè abbiamo i capelli lunghi...
Allucinante la scena in cui sono strafatti di droga, - secondo me è la migliore del film - e c'è Peter Fonda che piange davanti alla madonna, tutti sembrano dentro un Trip da lsd e la fotografia piena di colori che si dilatano rende benissimo l'idea della scena.
In conclusione, un film da collezionare, da vedere e rivedere per portarsi dietro sia un cult movie che un pezzo di storia del cinema.


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.