Passa ai contenuti principali

Easy Rider - di Dennis Hopper

Trama
Billy e Wyatt, decidono di intraprendere un viaggio in assoluta libertà con le loro moto i cui serbatoi sono imbottiti di droga, verso la grande New Orleans...verranno arrestati per avere sfilato insieme ad una banda senza avere il permesso, lì conosceranno un avvocato che si unisce a loro.

Commento
Per Easy Rider lascio un commento parlando di questo grande film, la mia non vuole essere una critica, ma una sintesi delle sensazioni che questo film mi ha lasciato.
In assoluto è stata una sorpresa, l'opera prima di Dennis Hopper ha fatto la storia del cinema non ci sono dubbi e oggi come quarant'anni fa rimane attuale nonostante il passare del tempo.
Film simbolo della controcultura degli anni sessanta, in questo film che si apre con una lunga carrellata su Billy e Wyatt e dopo sette minuti partono i titoli di testa ti da un senso di libertà già dai primi fotogrammi, la cosa che ti conquista - e qui si ricorre sempre alla critica verso la famosa borghesia, sempre presente nelle pellicole di quegli anni - E' la fotografia di una società piena di contraddizioni e di pregiudizi, grandissime le scene di quando guidano le moto negli spazi infiniti dell'america.
Del film mi è piaciuto anche che i protagonisti fanno la loro scelta e non pretendono di essere accettati nè tanto meno compresi, si vede la società bacchettona e bigotta di quelli che li deridono per i capelli lunghi e quelle stesse persone, grette e mediocri, che nonostante loro non disturbano nessuno cercano in tutti i modi di perseguitarli - impressionante la scena in cui picchiano l'avvocato fino a farlo morire - quella scelta di libertà per cui hanno fatto questo viaggio e di fuggire da una società medio borghese di strafarsi di cocaina o di fumare marjuana, come gli hippies infatti è stato girato in piena rivoluzione sessantottina,
c'è una sequenza al bar in cui vi sono un gruppo di ragazzine che li ammirano, e un gruppo di uomini che li criticano per i capelli lunghi e per come sono vestiti.
Il gioco delle apparenze la dice lunga, e Hopper è bravissimo a mettere in luce questi contrasti, come dire allo spettatore ehi, guardate qui questi due modi diversi di pensarla, noi viviamo in assoluta libertà, ci sono le ragazzine che pur non capendoci vogliono fare il giro sulla moto, e ci sono questi tizi che vogliono farcela pagare perchè abbiamo i capelli lunghi...
Allucinante la scena in cui sono strafatti di droga, - secondo me è la migliore del film - e c'è Peter Fonda che piange davanti alla madonna, tutti sembrano dentro un Trip da lsd e la fotografia piena di colori che si dilatano rende benissimo l'idea della scena.
In conclusione, un film da collezionare, da vedere e rivedere per portarsi dietro sia un cult movie che un pezzo di storia del cinema.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.