Passa ai contenuti principali

Repulsion - di Roman Polanski

Trama
Carol, vive con la sorella in uno squallido appartamento, è ossessionata dagli uomini ed ha chiaramente una personalità sociopatica, la sua vita scorre apparentemente tranquilla tra il lavoro e la convivenza con la sorella...Ha persino uno spasimante che lei continua a respingere senza motivo...
Le cose peggiorano quando la sorella decide di fare un viaggio con il suo compagno.

Commento
Un film ad alta tensione che ti fa stare incollato allo schermo dall'inizio alla fine ed assisti alla discesa agli inferi di Carol interpretata da una straordinaria Catherine Deneuve, ho avuto la riconferma dello straordinario talento del geniale Roman Polanski ed ho subito intensione di recuperare tutti i suoi film al più presto possibile.
Continuando a parlare del film è un viaggio allucinato durante la visione un senso d'angoscia e di inquietudine cresce piano piano fino ad arrivare al culminante finale, lo spettatore assiste come fosse dentro la testa della protagonista (Catherine Deneuve bravissima merita una mensione speciale) assistiamo alla sua vita senza la sorella e vedi come se lei fosse perduta come se fosse anche estranea, tiene un comportamento asociale che ti lascia di stucco, ma la cosa migliore del film sono ovviamente le allucinazioni di Carol e il suo sprofondare nella follia più pura che non lascia spazio neanche quando esce di casa...
Durante tutto il film ho trovato dei lievi riferimenti a Eraserhead altro capolavoro diretto da un altro autore visionario David Lynch anche se la storia di per se è molto differente anche se in quel film la follia è sottilmente celata dalla straordinaria inventiva allucinatoria di Lynch.
Qui invece viene messa in primo piano dentro le mura di casa, lo spettatore capisce da subito che Carol ha subito dei traumi durante l'infanzia e quei traumi la travolgono portandola all'inferno quell'inferno che come una voragine la rinchiuderà dentro di se trasformandola in una feroce assassina.
C'è una maniacale attenzione ai particolari, il telefono che squilla, il coniglio in decomposizione, la musica in sottofondo, alla fine vediamo alcuni oggetti come fotografie, un orologio che scandisce l'ora, sono tutti testimoni di quella follia esplosa improvvisamente e che finisce con uno sguardo di una piccola carol che è allo stesso tempo inquietante e perverso.
Capolavoro.


Commenti

  1. Ottimo.
    Ma il meglio di Polanski resta per me L'inquilino del terzo piano.

    RispondiElimina
  2. eh si quel film mette i brividi :)

    RispondiElimina
  3. Anch'io conobbi Polanski con quellla malattia che si avverte nell'inquilino.Dopo,quando vidi repulsion sono rimasto davvero scioccato dalle sue prestazione;e anche della giovane denavue.
    Il sduo stile è davvero rilassante e inquieto.Certo che se fossi donna,dopo repulsion non sarei piu' uscito di casa :D
    Come hitchcock e la paura della doccia,e i piccioni guardati con terrore dopo "Gli uccelli".
    Detto questo repulsion fino a oggi rimane uno dei miei pilastri...

    RispondiElimina
  4. il polanski degli inizi è davvvero inquietante, se l'inquilino del terzo piano e Repulsion vi ha inquietati, vi consiglio di vedere anche Rosemary's Baby, quel film è il suo capolavoro assoluto.

    RispondiElimina
  5. Beh,io di gusti sono molto strano:rosemary baby l'ho visto e non mi ha entusiasmato piu' di tanto anche se ovviamente è un bel film.:)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…