Passa ai contenuti principali

L'angelo Azzurro - di Joseph Von Sternberg

L'angelo azzurro
Trama
Il professor Rath, scopre per caso nel quaderno di uno dei suoi studenti la fotografia di LolaLola, una cantante che si esibisce in un locale chiamato L'angelo azzurro, l'uomo che non è daccordo che i suoi studenti frequentino un locale come quello è deciso ad affrontare la donna ma ne rimane affascinato, si innamorerà di lei al punto di abbandonare l'insegnamento e a degradarsi fino a diventare clown negli spettacoli di lei...

COMMENTO
Uno dei fims più tristi che abbia mai visto, Il sentimento dell'amore è tradotto in questo film fino a diventare una spietata messa in scena della perdita di dignità di un individuo.
Emil Jannings ci dona un personaggio che non può non essere amato per non parlare della Dietrich vera Femme Fatale del film che ne è anche il perno.
Il film è tratto da un racconto di Heinric Mann il professor Unrath e mostra quando un individuo si innamora perdutamente di una donna fino ad abbandonare qualsiasi cosa per lei, la sua vita di insegnante dignitoso e severo, per seguirla nei suoi spettacoli ma al contempo lei essendo una stella approfitta dell'amore del professore verso di lei e lo usa, ci gioca lo seduce fino a tradirlo con altri uomini e a fargli perdere la dignità di essere umano trasformandolo in "attrazione nei suoi spettacoli"
Impossibile non commuoversi...
Fino a dove possiamo spingerci con i nostri sentimenti? C'è un limite a tutto anche all'amore? LolaLola è una donna capricciosa e volubile, sempre al centro dell'attenzione e corteggiata da altri uomini, la gelosia del professore arriva a un punto tale che una sera cerca di strangolare la moglie dopo averla colta in flagrante con un altro uomo, è la crudeltà dell'individuo è messa in luce da una spietata messa in scena quasi fosse uno spettacolo...esemplare la scena di quando il professore si prende le uova in testa dal padrone della compagnia e tutti ridono, si vede la tristezza del professore e la sua voglia di scoppiare a piangere, la sua vita è stata distrutta e non esiste più niente neanche l'amore che possa dargli uno spiraglio di speranza...alla fine rimane nella sua classe avvinto alla sua cattedra e muore nel dolore e nel rimpianto...magistrale.



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.