Passa ai contenuti principali

Come pietra paziente

Un film interamente dalla parte delle donne.
Dedicato alla difficile condizione femminile in Iran, tratto dal romanzo dello stesso regista, che ne ha fatto la trasposizione cinematografica.
Un fil sconvolgente dall'inizio alla fine, difficile dimenticarlo una volta che l'hai visto, primo perchè mette in scena una donna, che deve custodire il marito ormai in coma.

Lei lo usa come una pietra paziente che è la testimone di tutti i suoi segreti più intimi.
Scopriamo tutto di lei, dai sacrifici che ha fatto per mettere al mondo i figli, dall'amore che nasce con un giovane ragazzo, dai suoi silenzi, dalla sottomissione verso la suocera e le cosidette tradizioni che vogliono la moglie solo come figura obbediente e devota e sottomessa al marito.
Scopriamo che si vende pur di non lasciare solo il marito, pur di accudirlo nonostante la guerra a in afganistan, dove è ambientato il film.
Le possono arrivare le bombe, i fucili, lei non si smuove, e approfitta di tutto ciò per fare il punto della sua vita, come per guardare attraverso il suo cuore quanto di buono c'è in lei nonostante le regole della società di quei luoghi.
Scopriremo inoltre che per dare dei figli al marito, ha dovuto fare l'amore con altri uomini perchè lui era sterile, e tappare la bocca alla suocera, e tanti altri segreti intimi nascosti dentro il suo cuore.


Un film che come ho detto prima è un atto d'accusa alla condizione femminile in afganistan, e il regista non risparmia nulla allo spettatore. La confessione della moglie è precisa, spietata che colpisce al cuore; e quanto è ottuso e sordo il mondo maschile, incapace anche di ascoltare una più timida richiesta dalla propria compagna.
Perchè le donne lì non sono esseri umani, ma oggetti di proprietà degli uomini, e il regista prendendo spunto di un antica leggenda afgana in cui una donna prende una pietra paziente per regalarle i suoi segreti, lei usa suo marito come tale.
Il finale sarà catartico e anche più sconvolgente dell'intero film, ve lo posso assicurare.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.