Passa ai contenuti principali

I killed My Mother

Un film che colpisce, in positivo soprattutto.
Non tanto per le qualità da regista del nostro, ma per l'impatto narrativo della storia.
Molto ben orchestrato considerato che è la sua opera prima fa molto sperare.
Avevo seri dubbi nel continuare la visione della filmografia di Xavier Dolan dopo Tom at the Farm, ma come spesso accade, la curiosità prende il sopravvento.

Non è certamente un capolavoro, si nota una certa passionalità e impulsività che riescono a colpire nel profondo, soprattutto perchè questo film riesce a incollarti alla poltrona, a farti provare fino allo sfinimento i sentimenti del suo protagonista, Xavier Dolan riesce persino a imporsi afferrando a forza gli spettatori nella trama, ma così facendo appesantisce il film, che avrebbe avuto effetti differenti se questa cosa fosse ben dosata.
Dolan sceglie di non dosare affatto e spinge fino allo spasimo lo spettatore nella storia, dimenticando che si tratta di un film, non di vita vera...anche se alcuni associano il cinema alla vita vera...ma questo è tutto un altro discorso.


Insomma avete capito, Xavier Dolan si prende sul serio, narrando questa storia di un ragazzo (ovviamente gay - non dimentichiamo che le tematiche gay nel cinema di Dolan, sono la punta di diamante) che ha un rapporto travagliato con la madre, e un padre assente.
E' la famiglia ad essere messa alla berlina da un regista giovanissimo, ma capace di parlare, anzi no, di urlare fin troppo a voce alta, bastava dosare bene la matassa e ne sarebbe uscito qualcosa di più semplice e meno complesso.
E' sicuramente un film incazzato, che urla, sbraita, vorrebbe demolire l'istituzione familiare, ma sono urla che nonostante la rabbia si smorzano con un finale un po' prevedibile che lascia presupporre uno sconfinato amore per la genitrice messa in croce per tutta la durata del film.
La metafora del film sta nel fatto che per quanto noi possiamo essere incazzati con i nostri genitori, in fondo in fondo gli vogliamo bene.
I killed My Mother nella sua imperfezione è un film da vedere assolutamente.
Voto: 7


Commenti

  1. Devo recuperarlo ma il suo recentissimo Mommy l'ho amato infinitamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io devo vedere Mommy, uno di questi giorni lo farò ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.