martedì 26 maggio 2015

La Donna è Donna

Torna alla fabbrica Jean-Luc Godard, con un film su una donna che vuole un figlio, il marito non si decide, lei intende diventare madre...alla sua maniera, e di andare a letto con il primo che capita. Alla fine prenderà una decisione tutta personale.

Quando si parla del cinema di Godard, è meglio fare il punto sulla situazione.
Si parla di cinema allo stato puro, soprattutto per quanto riguarda questo film.
Abbiamo una donna che svolge il lavoro di streap-tease, ovvero la spogliarellista, che, in crisi con il marito indeciso se fare o no un figlio, si trova nella difficile situazione di dover fare una scelta da colpo di testa.
Chi vincerà in questo duello amoroso?
Tutti e due e nessuno.
Negli anni sessanta si cominciavano già a delineare i costumi più liberi della rivoluzione sessuale, e questo film si concentra proprio su queste tematiche, che Godard, riesce a carpire attraverso l'occhio della sua mdp.
Siamo nel pieno della Nouvelle Vague, e questo film si preannuncia innovativo come tutti i film di Godard di quegli anni: dopo tutto lui è stato un percursore di quella nuova onda cinematografica che ha cambiato il linguaggio cinematografico influenzando molti cineasti sia europei che soprattutto americani.

Un cult punto.
Non c'è nient'altro da dire a riguardo.
Un altro film da possedere e da guardare  e riguardare stop.
Soprattutto per osservare da lontano un epoca in cui stavano nascendo tante rivoluzioni, c'era aria di cambiamenti, anche nei rapporti d'amore.
Le donne cominciavano ad essere emancipate, e in questa semplice commedia Godard lo sottolinea in pieno.
Il film inoltre ha una freschezza senza pari, guardatevelo e vi stupirete, anche se ormai la rivoluzione sessuale è solo un pallido ricordo.
Voto: 8




Nessun commento:

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...