Passa ai contenuti principali

Una Folle Passione

Cosa penso di Una Folle Passione?
Un film che mi ha colpito, in due sensi, sia positivamente che negativamente.
Sembra un romanzone strappalacrime ma in realtà c'è sempre qualcosa che brucia sotto la cenere.

La cosa che colpisce maggiormente di questo film è la caratterizzazione dei personaggi, i loro sentimenti distruttivi e folli.
La moglie è una donna che dopo aver subito un aborto ed essere diventata sterile si accanisce contro il marito perchè ha scoperto che un altra donna gli ha dato un figlio.
Una storia un po' crudele che sinceramente mi ha lasciato l'amaro in bocca.
Anche se mi aspettavo qualcosa di diverso dal titolo  sbagliato italiano - come sempre quando sballano i titoli ci si aspetta una storia diversa da quella che è. - è il ritratto di una donna e soprattutto della sua crudeltà nei confronti del marito.
Avvolte crediamo che si diventa cattivi perchè si nasce così, altre volte sono gli altri a farci diventare cattivi, scatenando una crudeltà inimmaginabile, da fare diventare ciechi e sordi fino a volere la morte di un bambino innocente, che non centra nulla.
Ma è il destino ad aver accettato la sfida di Serena, che si accanirà contro di lei, dandole un dolore ben più grande di quello che si aspetta.

Un film lacerante, crudele e spietato questo diretto da Susan Bier, forse spettacolarizza il dolore, in maniera lucidamente crudele testando lo spettatore per capire fino a quanto può reggere a tanta cruda realtà.
Anche se sinceramente di masochisti che riescono a vedere questo film non so quanti ce ne siano. Io si l'ho visto tutto, non sono masochista ma non sono riuscita a sostenere tanta crudeltà in una pellicola. Decisamente esagerata.
La regista spince il pedale della spietatezza per rendere più drammatica la storia, quanto bastava solamente carpire maggiormente il dolore interno dei personaggi.
Non siamo ai livelli di Antichrist, ma decisamente qui c'è troppa carne al fuoco...deve permettere allo spettatore di assimilare per creare empatia coi personaggi, cosa che effettivamente non succede con questo film.
All'inizio sembra un fumettone romantico, non ci sono scene di passione rovente come ci si potrebbe aspettare, c'è dell'altro, ed è decisamente troppo...purtroppo!!
Voto: 5


Commenti

  1. Quelal coppia lì non mi frega più, mi è bastato quell'altro dove c'era anche De Niro, talmente bello che ho pure scordato il titolo ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. Bu, sarà che non tutti hanno gli stessi gusti, ma a me "Il lato positivo" era piaciuto un sacco, e l'ho anche rivisto varie volte dalla sua uscita.
    Questo invece non l'ho visto e non ne no sentito parlare benissimo. Cooper non è proprio il mio attore preferito mentre per Jennifer perdo proprio la testa...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.