Passa ai contenuti principali

Wendy & Lucy

Ecco un piccolo film.
Piccolo è una parola che non definisce in pieno questa opera deliziosa diretta da Kelly Reichardt e interpretata da Michelle Williams, film scoperto grazie al blog Visione Sospesa che ne ha parlato diverso tempo fa, io come faccio sempre mi sono incuriosita l'ho cercato e l'ho visto.
Ecco il mio parere:

Il film si presenta con una struttura narrativa concentrata solo sulla protagonista, forse per questo l'opera potrebbe risultare un po' pesante a chi guarda il film, Wendy cerca Lucy, la sua cagnetta, e la ricerca è straziante e disperata, nonostante sia sparita del tutto, lei non si arrende e la cerca dappertutto, fino alla fine, che ovviamente non rivelo.
Film emozionale come pochi, ma capace di colpire appunto perchè è in grado di affondare il coltello nelle emozioni dello spettatore.
Minimalista, a tratti soffocante, non c'è un minimo di fuga nella trama, e soprattutto nella sofferta interpretazione della protagonista Michelle Whilliams, che ha accettato questo film difficile secondo me un po' come scommessa.
Nonostante ciò colpisce per la sua drammaticità portata fin quasi all'estremo dalla regista.
Il film inoltre è adattato al romanzo di Jon Reynold, che ha curato la sceneggiatura, ed è stato presentato alla 61a edizione del festival di Cannes.
Il film nonostante tutto mi è piaciuto, e se non avete paura di soffrire per quella cagnetta allora guardatevelo senza timore.
Se invece non sopportate la sofferenza, allora lasciate perdere e passate ad altro.
Comunque è un opera che rimane impressa nella memoria, nonostante tutto.
Voto: 7



Commenti

  1. a me è piaciuto molto, ti affezioni a Wendy e al cane

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è vero, è un film particolare, che colpisce proprio perchè riesce a toccare l'animo dello spettatore, e non sono tutti i film del genere ^_^

      Elimina
  2. Michelle mi piace tantissimo, devo recuperarlo. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bene, aspetto il tuo parere allora ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.