Passa ai contenuti principali

Ciclo Horror Stories - Summer Ediction - Cose Preziose

Cose...Preziose…
Ma sono davvero preziose queste cose? Talmente preziose da pagare qualsiasi e dico "Qualsiasi Prezzo" pur di possederle?
E se questo prezzo da pagare fosse il delirio assoluto?
Se per fare in modo che restino a noi dobbiamo metterci l'uno contro l'altro?
E se ad offrircele fosse il diavolo in persona?
Nessuno si azzarderebbe a dire di no ad una cosa che vogliamo, no che bramiamo di avere con tutto il nostro essere.
Un film terrificantemente materiale, tratto da un romanzo del re, e poteva essere altrimenti?
Un film che mi ha colpita positivamente, lasciandomi anche vari interrogativi che mi hanno accompagnati anche nei giorni seguenti la visione.
Quali sono questi interrogativi?
E' meglio possedere un oggetto, oppure guardarci intorno cercando l'amore delle persone e la loro compassione?
La pace è sempre meglio della guerra ve lo assicuro io.
E' pur sempre vero che quando il materialismo supera i limiti, gli uomini non ragionano più, e la traduzione sullo schermo del romanzo di Stephen King mette in luce tutta la debolezza umana, e il suo materialismo.
Alla fine è proprio questa debolezza a fregarci di brutto...il gioco del diavolo - se esiste ovviamente - sta tutto lì.
Fraser Heaston dirige un film incredibilmente attuale, e nonostante i 25 anni suonati della pellicola, portati per lo più benissimo, l'ho trovato davvero ben fatto, e gli anni che ha non scalfiscono affatto la sua levatura.
E scusate se è poco.
Resta un esperimento che potrebbe essere preso anche come metafora se capite bene quello che intendo dire.
Per me rappresenta uno dei migliori horror degli anni 90.






Commenti

  1. Il libro mi era piaciuto, il film lo ricordo piuttosto oscuro, ma è passata una vita dall'ultima volta che mi è capitato di vederlo, tocca ripassare dopo questo tuo post! ;-) Cheers

    RispondiElimina
  2. Il film mi piacque un sacco, nel libro ci sono riferimenti a personaggi di altre opere del Re che nel film si perdono... ma sticazzi, meglio King in tv/cinema che come libro, ormai XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora recupererò il libro il prima possibile xD

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.