Passa ai contenuti principali

Ciclo Horror Stories - Summer Edition - Cose Preziose

Cose...Preziose…
Ma sono davvero preziose queste cose? Talmente preziose da pagare qualsiasi e dico "Qualsiasi Prezzo" pur di possederle?
E se questo prezzo da pagare fosse il delirio assoluto?
Se per fare in modo che restino a noi dobbiamo metterci l'uno contro l'altro?
E se ad offrircele fosse il diavolo in persona?
Nessuno si azzarderebbe a dire di no ad una cosa che vogliamo, no che bramiamo di avere con tutto il nostro essere.
Un film terrificantemente materiale, tratto da un romanzo del re, e poteva essere altrimenti?
Un film che mi ha colpita positivamente, lasciandomi anche vari interrogativi che mi hanno accompagnati anche nei giorni seguenti la visione.
Quali sono questi interrogativi?
E' meglio possedere un oggetto, oppure guardarci intorno cercando l'amore delle persone e la loro compassione?
La pace è sempre meglio della guerra ve lo assicuro io.
E' pur sempre vero che quando il materialismo supera i limiti, gli uomini non ragionano più, e la traduzione sullo schermo del romanzo di Stephen King mette in luce tutta la debolezza umana, e il suo materialismo.
Alla fine è proprio questa debolezza a fregarci di brutto...il gioco del diavolo - se esiste ovviamente - sta tutto lì.
Fraser Heaston dirige un film incredibilmente attuale, e nonostante i 25 anni suonati della pellicola, portati per lo più benissimo, l'ho trovato davvero ben fatto, e gli anni che ha non scalfiscono affatto la sua levatura.
E scusate se è poco.
Resta un esperimento che potrebbe essere preso anche come metafora se capite bene quello che intendo dire.
Per me rappresenta uno dei migliori horror degli anni 90.






Commenti

  1. Il libro mi era piaciuto, il film lo ricordo piuttosto oscuro, ma è passata una vita dall'ultima volta che mi è capitato di vederlo, tocca ripassare dopo questo tuo post! ;-) Cheers

    RispondiElimina
  2. Il film mi piacque un sacco, nel libro ci sono riferimenti a personaggi di altre opere del Re che nel film si perdono... ma sticazzi, meglio King in tv/cinema che come libro, ormai XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora recupererò il libro il prima possibile xD

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.