Passa ai contenuti principali

Quello che non so di lei

L'ultima fatica di Polanski possiamo definirlo Thriller psicologico? Forse, fatto sta che mi ha catturata.
Primo perché ha rappresentato per il grande regista polacco naturalizzato francese, un film che riesce ad incarnare le sue tematiche.



Seducente e inquietante, torbido e misterioso, Polanski insieme a Olivier Assayas, imbastiscono una trama all'apparenza evanescente,  che cattura lo spettatore in una voragine, all'inizio senza capire mai cosa succede, e da dove è uscita Elle, Lei in italiano.
Eva Green si conferma un attrice capace di immedesimarsi in qualsiasi ruolo le viene offerto, e in questo film di Polanski la sua presenza è a dir poco al bacio.
Bravissima nel recitare insieme ad un altrettanto brava Emanuelle Seigner, moglie di Polanski, che ha letto il libro di Delphine Vigan, convincendo il marito per farne una trasposizione per il grande schermo.
Risultato? E' un Thriller sorprendente, che tiene letteralmente lo spettatore incollato alla poltrona, io aggiungerei inoltre che è anche capace di scavare senza ovviamente fare capire nulla allo spettatore, che rimane il principale consumatore della pellicola, senza inoltre essere tale, perché Polanski da grande maestro del cinema quale è, lascia che sia lo spettatore a farsi un idea della storia, grazia ad una libera interpretazione dei fatti, raccontati minuziosamente con un intelligenza quasi caparbia ma efficace.
Ho adorato questo film, eh si Polanski è ancora capace di stupire, e non mi sorprende a dire che secondo me, anche a 85 anni suonati, ha ancora tanto da dire.
Un regista arzillo come lui, pieno di voglia di vivere e raccontare il cinema "alla sua maniera"; quanti registi invece si rintanano nel costruire il film per il pubblico non mettendoci l'anima?
Ce ne sono tantissimi, ora non sto qui ad elencarli ma sono tanti.
Polanski sembra essere ritornato ad una freschezza incredibile, con la differenza che ora ha un esperienza e una maturità registica che lasciano senza dubbio sorpresi.
Forse il film non è un capolavoro - per me in un certo senso lo è già, ma l'ho messo nei cult perché senza dubbio è una pellicola particolare - ma poco importa.
Cult senza se e senza ma.






Commenti

  1. Devo assolutamente vederlo, Polanski di solito mi piace e anche tanto, poi con Eva Green, spero di riuscire ad infilarlo tra i recuperi ;-) Cheers!

    P.S. Bentornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cassidy, guardalo non te ne pentirai a me è piaciuto molto ^_^

      Elimina
    2. Sono innamorato da una vita della Seigner e i film di Polanski mi rapiscono sempre

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.