Passa ai contenuti principali

Una Hostess Tra le nuvole

Oh finalmente ci sono riuscita a recensire questo delizioso film…
Il primo che vedo diretto da Bruno Barreto, regista brasiliano che mi stuzzica il palato, vedendo Una Hostess tra le Nuvole, commedia sorprendentemente fresca e vivace, come non ne ho viste da parecchi anni a questa parte, interpretato da una bravissima Gwyneth Paltrow, no, non prendetemi a parolacce, se dico che in questo film è bravissima ci dovete credere, il personaggio di Donna Jensen, le sembra cucito addosso.

Sto parlando di un film che ha anche dei contenuti particolari, capaci di veicolare la storia che non perde mai tonicità, anzi diverte e coinvolge lo spettatore grazie alla sovracitata freschezza di cui parlavo prima.
E' una storia che racchiude in se anche temi come l'amicizia, l'invidia, l'amore e soprattutto i propri sogni, che la protagonista sceglie di seguire anche a costo di perdere la strada del proprio cuore, salvo poi ritrovarla in tempo grazie a colei che per lei è un mentore; interpretata da una altrettanto brava Candice Bergen.
E gli altri attori? Ragazzi sto parlando di gente come Mark Ruffalo, Christina Applegate, Kelly Preston e Rob Lowe, nel ruolo di un pilota.
Insomma Una hostess tra le nuvole non è il classico filmetto che si dimentica una volta terminato, anzi, è un film capace di restarti dentro, e che ti fa venire voglia di riguardarlo.
Questo significa solo una cosa: Devo guardare altri film di Bruno Barreto, cercherò di farlo e statene certi li troverete tutti recensiti alla fabbrica.
Per quanto mi riguarda, se non guardate questo film vi perdete una gran cosa, e ve lo assicuro di cuore, perché non presenta nessuno dei cliché tipici delle commedie, non è un chick flick, non è una commedia romantica.
E' una commedia e come tale va presa, assaporata, perché ha la capacità di esprimere il gusto pop e colorato e stilisticamente intrigante, cosa che certamente colpisce, e poi sa mixare molti ingredienti, segno che Bruno Barreto non è un regista qualunque, e chiaramente merita senza alcun dubbio maggiore attenzione.
Io non vedo l'ora di rivederlo, chissà potrebbe piacermi anche di più.






Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.