Passa ai contenuti principali

Horror Stories - Summer Edition - Cannibal Holocaust

Film che per anni ho evitato di guardare...forse a ragione, forse no, fatto sta che proprio questo film è stato un precursore del cosidetto Found Foutage, ovvero reality horror, poi ripreso con alterni risultati prima da The Blair Witch Progect e poi da altri titoli più o meno riusciti.

Dopo averli visti "quasi tutti" questi found foutage, non potevo che guardare il film da cui è iniziato tutto.
Lungi da me col dire che è uno dei miei horror preferiti...preferisco altro personalmente, e non potevo perdermi questo film, perché ne hanno parlato più o meno tutti, sforbiciato, censurato, proibito e via di seguito.
Ora la storia non è poi granchè, ma di fatto è una pellicola cult, e quindi va vista, aldilà dei gusti personali, aldilà della propria sensibilità.
Certo la scena della donna impalata fa venire la pelle d'oca vi avviso, però vi do un consiglio, se siete ipersensibili lasciate perdere questo film, potrebbe farvi male.
Film per stomaci forti vi avviso, se avete coraggio avventuratevi in amazzonia, ma io vi consiglio di no eh? (parlando del film ovviamente)
Film che addirittura è stato additato di essere uno snuff movie, con un processo a suo carico, in cui il regista ha dato prova che si trattava di scene finte, e girate per il film.
Ho trovato interessante la lucida analisi della mostruosità dei media, e anche l'indagine che il giornalista compie sui ragazzi scomparsi.
Se volete recuperatelo, ma dovete essere coraggiosi per guardarlo perché il film è molto disturbante ve lo assicuro io.

La prossima settimana recensirò La Setta di Michele Soavi, e The Strangers Prey at nitht di Johannes Roberts







Commenti

  1. Film bellissimo. La prima volta che lo vidi, ero un ragazzino, ebbi gli incubi per tre giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e ci credo, è un cult per me perché è il primo found foutage, ma bellissimo non so se lo è...cmq tutto dipende dai gusti personali ^_^

      Elimina
  2. Mha...ce l'ho in DvD , lo presi perchè incuriosito anch'io da quanto era stato scritto durante gli anni.
    Salvo i bellissimi scenari selvaggi e la colonna sonora di Ritz Ortolani che contribuiscono a rendere il film così esotico.
    Dopo tutto quello che avevo letto alla fine il film mi ha un pò deluso (un pò come quando si dice di un film tratto da un libro che è mille volte meglio il libro) però ne riconosco la forza e il fatto che sia diventato un cult.
    Mi sorprende che non ne parli...ma la cosa che più mi ha fatto male della visione di Cannibal Holocaust è sapere che le violenze sugli animali che si vedono sono purtroppo reali (quegli anni non c'era ancora una regolamentazione in materia e la cosa se non era lecita -non saprei- non era comunque punita).
    Infatti il film lo vidi autocensurandomi quelle scene andando avanti con l'avvanzamento veloce quando mi si presentavano davanti .
    Ciao
    Massimiliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh posso aggiungerlo, non c'è problema, questa cosa degli animali torturati davvero sinceramente non la sapevo, ecco perché non l'ho inserita, io sapevo che il film era stato accusato di essere uno snuff movie ma il regista ha dimostrato il contrario xD

      Elimina
  3. Scrivilo pure.
    Scimmia decapitata sul serio e le altre che tenevano di riserva , morte di crepacuore alla vista della fine della loro compagna.
    Tartaruga gigante pescata ( per sua sfortuna ) e sventrata sul serio.
    Pitone ucciso.
    Barbareschi che uccide a colpi di fucile una specie di porcellino d’india.
    Lessi che in una intervista l’attore spiegava che la cosa a suo tempo l’aveva lasciato indifferente.
    Purtroppo in quegli anni i cosiddetti mondo Movie erano pieni di scene di violenza vera su animali e questo ha fatto incazzare e non poco gli animalisti.
    Altro che ragazza impalata per finta!
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Per me, 'na porcata colossale di film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me non è piaciuto molto, l'aurea di cult comunque gli spetta ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.