Passa ai contenuti principali

Horror Stories - Summer Edition - Cannibal Holocaust

Film che per anni ho evitato di guardare...forse a ragione, forse no, fatto sta che proprio questo film è stato un precursore del cosidetto Found Foutage, ovvero reality horror, poi ripreso con alterni risultati prima da The Blair Witch Progect e poi da altri titoli più o meno riusciti.

Dopo averli visti "quasi tutti" questi found foutage, non potevo che guardare il film da cui è iniziato tutto.
Lungi da me col dire che è uno dei miei horror preferiti...preferisco altro personalmente, e non potevo perdermi questo film, perché ne hanno parlato più o meno tutti, sforbiciato, censurato, proibito e via di seguito.
Ora la storia non è poi granchè, ma di fatto è una pellicola cult, e quindi va vista, aldilà dei gusti personali, aldilà della propria sensibilità.
Certo la scena della donna impalata fa venire la pelle d'oca vi avviso, però vi do un consiglio, se siete ipersensibili lasciate perdere questo film, potrebbe farvi male.
Film per stomaci forti vi avviso, se avete coraggio avventuratevi in amazzonia, ma io vi consiglio di no eh? (parlando del film ovviamente)
Film che addirittura è stato additato di essere uno snuff movie, con un processo a suo carico, in cui il regista ha dato prova che si trattava di scene finte, e girate per il film.
Ho trovato interessante la lucida analisi della mostruosità dei media, e anche l'indagine che il giornalista compie sui ragazzi scomparsi.
Se volete recuperatelo, ma dovete essere coraggiosi per guardarlo perché il film è molto disturbante ve lo assicuro io.

La prossima settimana recensirò La Setta di Michele Soavi, e The Strangers Prey at nitht di Johannes Roberts







Commenti

  1. Film bellissimo. La prima volta che lo vidi, ero un ragazzino, ebbi gli incubi per tre giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e ci credo, è un cult per me perché è il primo found foutage, ma bellissimo non so se lo è...cmq tutto dipende dai gusti personali ^_^

      Elimina
  2. Mha...ce l'ho in DvD , lo presi perchè incuriosito anch'io da quanto era stato scritto durante gli anni.
    Salvo i bellissimi scenari selvaggi e la colonna sonora di Ritz Ortolani che contribuiscono a rendere il film così esotico.
    Dopo tutto quello che avevo letto alla fine il film mi ha un pò deluso (un pò come quando si dice di un film tratto da un libro che è mille volte meglio il libro) però ne riconosco la forza e il fatto che sia diventato un cult.
    Mi sorprende che non ne parli...ma la cosa che più mi ha fatto male della visione di Cannibal Holocaust è sapere che le violenze sugli animali che si vedono sono purtroppo reali (quegli anni non c'era ancora una regolamentazione in materia e la cosa se non era lecita -non saprei- non era comunque punita).
    Infatti il film lo vidi autocensurandomi quelle scene andando avanti con l'avvanzamento veloce quando mi si presentavano davanti .
    Ciao
    Massimiliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh posso aggiungerlo, non c'è problema, questa cosa degli animali torturati davvero sinceramente non la sapevo, ecco perché non l'ho inserita, io sapevo che il film era stato accusato di essere uno snuff movie ma il regista ha dimostrato il contrario xD

      Elimina
  3. Scrivilo pure.
    Scimmia decapitata sul serio e le altre che tenevano di riserva , morte di crepacuore alla vista della fine della loro compagna.
    Tartaruga gigante pescata ( per sua sfortuna ) e sventrata sul serio.
    Pitone ucciso.
    Barbareschi che uccide a colpi di fucile una specie di porcellino d’india.
    Lessi che in una intervista l’attore spiegava che la cosa a suo tempo l’aveva lasciato indifferente.
    Purtroppo in quegli anni i cosiddetti mondo Movie erano pieni di scene di violenza vera su animali e questo ha fatto incazzare e non poco gli animalisti.
    Altro che ragazza impalata per finta!
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Per me, 'na porcata colossale di film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me non è piaciuto molto, l'aurea di cult comunque gli spetta ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.