Passa ai contenuti principali

Dogman

Ci sono diverse ragioni per guardare questo film:
la prima, che secondo me è quella fondamentale, è il capire che quando si è vittima di vessazioni, arriva sempre il momento di reagire, proprio come succede al mite protagonista di questo sconvolgente film.
La seconda, è guardare questa storia romanzata, anche se è tratta da una storia vera, cercando di immedesimarsi nel protagonista, un uomo mite che non ha mai fatto del male a nessuno, vittima di simoncino, il boss che tormenta un po' tutti nel quartiere romano.

Marcello ha due passioni: i cani, e sua figlia, che lui adora e con cui passa molto tempo.
Simoncino è un piccolo boss di mezza tacca che ha in pugno il quartiere, un giorno però avviene un furto e Marcello, nonostante l'innocenza si prende la colpa e si fa un anno di galera.
Quando esce però, la parte della refurtiva che spettava a lui non è più disponibile, dato che Simoncino si è mangiati tutti i soldi.
Non gli resta che compiere una spietata vendetta ai danni del suo aguzzino.
Film ispirato liberamente a un fatto realmente accaduto a Roma negli anni 80, ma molto romanzato, diretto da un sorprendente Matteo Garrone, che apprezzo molto, con un protagonista bravissimo tanto da vincere il premio come migliore attore a Cannes quest'anno.
Per me è stata una visione incredibile, perché innanzitutto abbiamo la storia di un uomo, che il caso ha voluto che si sia fatto giustizia con le sue mani, la narrazione però racconta di un uomo mite e ben voluto da tutti, ma essere mite non vuol dire essere fragili e deboli, ma solo brave persone.
Un uomo normale che compie una vita semplice, arriva però il momento che questo piccolo uomo normale che ama moltissimo gli animali, in particolare i cani, esca fuori le palle, e compie una azione discutibilissima, ma per la semplice ragione di vendicarsi per le sofferenze subite.
Possiamo condannare una persona così?
Dobbiamo soltanto comprenderla e anche immedesimarsi in lui con l'empatia.
Si lo so non è facile, ma bisogna provarci, solamente in questo modo possiamo arrivare anche a capirlo.
Per me è stata una pellicola che ha superato ampiamente le mie aspettative, una pellicola che non vedevo l'ora di guardare, ed ora sto recensendo per voi.
Bellissimo film e bravissimo il protagonista, per me rappresenta uno dei titoli italiani migliori dell'anno.
Imperdibile.






Commenti

  1. "Sconvolgente" è la parola giusta... in senso buono, ovviamente. Un film assolutamente da vedere.

    RispondiElimina
  2. Io aspetto di vedere l'altro film, quello splatter!
    Insomma, Garrone punta tutto sull'umanità, la pietà e gli istinti, romanzando una storia dove in realtà nessuno è innocente :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che Simoncino la morte se l'è cercata, Marcello ha agito per farsi giustizia con le sue mani ^^

      Elimina
  3. Un film che vorrei guardare.
    Sereno pomeriggio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.