Passa ai contenuti principali

Paura e Delirio a Las Vegas

                                                       Riguarda & Recensisci

Oh la la, l'avevo messo da parte, ma è ritornato, si conclude in settimana la rassegna dedicata a Terry Gilliam, dopodiché si comincerà quella dedicata a un altro grandissimo regista, Brian De Palma, e una rassegna libera dedicata anche a Robert Altman, e forse ci sarà anche Paul Verhoeven e tantissimi altri.
Intanto parliamo del film in oggetto stasera, si tratta di uno dei film più complessi del grande regista americano, qui la sua visionarietà esplode in tutta la sua potenza, e, se pensavate che Trainspotting sia un must dei cult, dopo la visione di questo film cambierete subito idea, sempre SE non l'avete ancora visto.
Film tratto da un romanzo, Paura e Disgusto a Las Vegas di Hunter S Thompson, di cui Johnny Depp, è il perfetto Alter Ego.
Si, lo devo dire, quando Johnny negli anni 90 se ne sbatteva degli incassi, e di diventare l'idolo delle ragazzine, questi film pazzi, visionari, e sgangherati facevano proprio al caso suo.
E se dietro la macchina da presa c'è un genio come Terry Gilliam noi cinefili cosa possiamo chiedere di più alla settima arte?
Perché di arte si tratta, che lo vogliamo o no, questo film è un signor film, politicamente scorretto, spinto al massimo con una trama di cui praticamente per i meno accurati ovviamente, non si capisce nulla, eppure è un cult, c'è poco da fare.
Anche la soundtrack è bellissima, da ascoltare a tutto volume durante la visione di questo straordinario e sorprendente film.
Per me è un cult, e questo vuol dire che è un film per molti ma non per tutti.
Eh si, perché il nostro caro Terry, fa un cinema complesso e difficile, e spesso e volentieri ci vogliono diverse visioni per capire meglio una sua opera, ma questo per me è una gioia per gli occhi e per le orecchie.
Commedia, fantastico, surreale, visionario, fa proprio al caso mio, ma è bellissimo, è un esperienza che invito tutti a provare almeno una volta nella vita, sono sicura che non ne uscirete indenni.
Assolutamente mitico anche Benicio del Toro addirittura con la pancia, nel ruolo dell'avvocato  Dr Gonzo strafatto di droghe allucinogene che con Raul Duke gira per Las Vegas con una macchina strapiena di droga fino al collo.
Sorprendenti le visioni deformate delle persone nei casinò di Las Vegas, dove i nostri amici girano, camei cult, da Christina Ricci, Tobey Mcguire e Cameron Diaz nel ruolo della giornalista che si imbatte in Dr Gonzo.
Imperdibile, sia per i cinefili incalliti, che per i fans di Depp e soprattutto Terry Gilliam







Commenti

  1. Tanti titoli vengono definiti cult, ma questo? Oh questo lì batte tutti. Depp quanto ancora mi era simpatico nella mani di uno come Terry, il meglio che si potrebbe chiedere, per altro, è un ottimo adattamento di un romanzo davevro matto, gran film! Cheers

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.