Passa ai contenuti principali

Paura e Delirio a Las Vegas

                                                       Riguarda & Recensisci

Oh la la, l'avevo messo da parte, ma è ritornato, si conclude in settimana la rassegna dedicata a Terry Gilliam, dopodiché si comincerà quella dedicata a un altro grandissimo regista, Brian De Palma, e una rassegna libera dedicata anche a Robert Altman, e forse ci sarà anche Paul Verhoeven e tantissimi altri.
Intanto parliamo del film in oggetto stasera, si tratta di uno dei film più complessi del grande regista americano, qui la sua visionarietà esplode in tutta la sua potenza, e, se pensavate che Trainspotting sia un must dei cult, dopo la visione di questo film cambierete subito idea, sempre SE non l'avete ancora visto.
Film tratto da un romanzo, Paura e Disgusto a Las Vegas di Hunter S Thompson, di cui Johnny Depp, è il perfetto Alter Ego.
Si, lo devo dire, quando Johnny negli anni 90 se ne sbatteva degli incassi, e di diventare l'idolo delle ragazzine, questi film pazzi, visionari, e sgangherati facevano proprio al caso suo.
E se dietro la macchina da presa c'è un genio come Terry Gilliam noi cinefili cosa possiamo chiedere di più alla settima arte?
Perché di arte si tratta, che lo vogliamo o no, questo film è un signor film, politicamente scorretto, spinto al massimo con una trama di cui praticamente per i meno accurati ovviamente, non si capisce nulla, eppure è un cult, c'è poco da fare.
Anche la soundtrack è bellissima, da ascoltare a tutto volume durante la visione di questo straordinario e sorprendente film.
Per me è un cult, e questo vuol dire che è un film per molti ma non per tutti.
Eh si, perché il nostro caro Terry, fa un cinema complesso e difficile, e spesso e volentieri ci vogliono diverse visioni per capire meglio una sua opera, ma questo per me è una gioia per gli occhi e per le orecchie.
Commedia, fantastico, surreale, visionario, fa proprio al caso mio, ma è bellissimo, è un esperienza che invito tutti a provare almeno una volta nella vita, sono sicura che non ne uscirete indenni.
Assolutamente mitico anche Benicio del Toro addirittura con la pancia, nel ruolo dell'avvocato  Dr Gonzo strafatto di droghe allucinogene che con Raul Duke gira per Las Vegas con una macchina strapiena di droga fino al collo.
Sorprendenti le visioni deformate delle persone nei casinò di Las Vegas, dove i nostri amici girano, camei cult, da Christina Ricci, Tobey Mcguire e Cameron Diaz nel ruolo della giornalista che si imbatte in Dr Gonzo.
Imperdibile, sia per i cinefili incalliti, che per i fans di Depp e soprattutto Terry Gilliam







Commenti

  1. Tanti titoli vengono definiti cult, ma questo? Oh questo lì batte tutti. Depp quanto ancora mi era simpatico nella mani di uno come Terry, il meglio che si potrebbe chiedere, per altro, è un ottimo adattamento di un romanzo davevro matto, gran film! Cheers

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.