Passa ai contenuti principali

Horror Stories - Summer Edition - Macabro

Se tra i bloggers c'è Notte Horror, di cui parteciperà anche la fabbrica con L'incendiaria il 7 agosto, alla fabbrica, per tutta l'estate fino a tutto settembre o quasi, ci sarà la versione estiva della rubrica in cui si recensiscono film horror e questa sera, ho selezionato per voi Macabro, film del 1980 diretto da niente po po di meno Lamberto Bava, figlio del grande Mario di qui questo film è l'esordio assoluto.
Si, ha diretto Shock con suo padre, ma questo è il primo che dirige lui da solo, quindi una ragione in più per recuperarlo.

E' un film decisamente particolare, non per tutti i palati ci tengo a precisare, la storia di un feticismo che rasenta la follia, e di un omicidio commesso da una bambina per colpa della madre che la trascurava per incontrarsi con il suo amante.
Ma c'è di più, in un incidente proprio l'amante perde la vita, e lei si rifugia a casa di questi con l'intenzione di far superare il trauma alla madre del suo amante...ma quando torna sua figlia le cose si complicano, e la notte arrivano strani versi nella camera da letto dove dorme la donna.
La verità sarà molto più agghiacciante di quello che immaginate, si lo dico tanto è già nella locandina, la protagonista dopo l'incidente dell'amante, si porta a casa la sua testa come souvenir…
A rendere intricante il progetto, è la mano dei fratelli Avati e la dicitura che il film sia tratto da una storia vera, anche se io sinceramente non ci credo.
Film particolare, non proprio riuscitissimo, ma nemmeno da buttare via, certo è l'opera prima di Lamberto Bava, che già dimostra chiaramente la sua visione di un cinema horror, in giro ho letto che viene accostato a Buio Omega, che ancora non l'ho visto, spero di vederlo molto presto.
Per quanto mi riguarda l'ho messo nei cult, anche perché secondo me non è un film che potrebbe piacere a un horrorofilo puro e duro - e sinceramente parlando, ho fatto fatica a guardarlo - ma potrebbe sicuramente piacere se amate i toni lenti del cinema.
E forse sta proprio in questo la sua forza.
State collegati che Horror Stories continua con un altra recensione.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.