Passa ai contenuti principali

Horror Stories - Summer Edition - Macabro

Se tra i bloggers c'è Notte Horror, di cui parteciperà anche la fabbrica con L'incendiaria il 7 agosto, alla fabbrica, per tutta l'estate fino a tutto settembre o quasi, ci sarà la versione estiva della rubrica in cui si recensiscono film horror e questa sera, ho selezionato per voi Macabro, film del 1980 diretto da niente po po di meno Lamberto Bava, figlio del grande Mario di qui questo film è l'esordio assoluto.
Si, ha diretto Shock con suo padre, ma questo è il primo che dirige lui da solo, quindi una ragione in più per recuperarlo.

E' un film decisamente particolare, non per tutti i palati ci tengo a precisare, la storia di un feticismo che rasenta la follia, e di un omicidio commesso da una bambina per colpa della madre che la trascurava per incontrarsi con il suo amante.
Ma c'è di più, in un incidente proprio l'amante perde la vita, e lei si rifugia a casa di questi con l'intenzione di far superare il trauma alla madre del suo amante...ma quando torna sua figlia le cose si complicano, e la notte arrivano strani versi nella camera da letto dove dorme la donna.
La verità sarà molto più agghiacciante di quello che immaginate, si lo dico tanto è già nella locandina, la protagonista dopo l'incidente dell'amante, si porta a casa la sua testa come souvenir…
A rendere intricante il progetto, è la mano dei fratelli Avati e la dicitura che il film sia tratto da una storia vera, anche se io sinceramente non ci credo.
Film particolare, non proprio riuscitissimo, ma nemmeno da buttare via, certo è l'opera prima di Lamberto Bava, che già dimostra chiaramente la sua visione di un cinema horror, in giro ho letto che viene accostato a Buio Omega, che ancora non l'ho visto, spero di vederlo molto presto.
Per quanto mi riguarda l'ho messo nei cult, anche perché secondo me non è un film che potrebbe piacere a un horrorofilo puro e duro - e sinceramente parlando, ho fatto fatica a guardarlo - ma potrebbe sicuramente piacere se amate i toni lenti del cinema.
E forse sta proprio in questo la sua forza.
State collegati che Horror Stories continua con un altra recensione.


Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.