Passa ai contenuti principali

Escape Plan - Fuga dall'inferno

sono tornati i franchise alla fabbrica, e si continua con Escape Plan - Fuga dall'inferno con i mitici Sly e swarzy







Ho approfittato dell'uscita del capitolo numero due che vedrò tra poco, per recuperare questo primo capitolo, che devo dire l'ho trovato sorprendente... volete sapere come la penso?


Trama: Ray Breslin lavora per una società che si occupa di collaudare penitenziari di massima sicurezza, il suo compito è farsi arrestare e cercare una via di fuga, ma quando un collega cerca di fregarlo e lo fa arrestare in un carcere, le cose si complicano, deve cercare sia una via di fuga e smascherare colui che lo ha voluto incastrare, ci riuscirà?

Un po' di sano Action, non fa mai male, e come dice l'amico Ford, che ultimamente scrive pochissimo nel suo blog (a forduccio datte na mossa a scrivere, perchè senza di te si sta male xD), spero che con questo mio annuncio gli viene di nuovo la voglia di scrivere al saloon; i film pane e salame servono, e se sono nuoni film servono ancora di più.
Se ve lo dico io ci dovete credere assolutamente, l'action non è action se come attore protagonista non c'è Sly, o Swarzy, o Van Damme, ma sinceramente parlando non ho visto molti film di quest'ultimo, meglio i primi due, che sono dei veri e propri mastini e re incontrastati del genere.
Questo film è un film cazzuto, perché il mitico Sly, interpreta un esperto di fughe nelle prigioni, e tramite questa abilità, viene ingaggiato in una società per potenziare il livello di sicurezza nelle carceri, finchè un imbecille, cerca di incastrarlo, ma l'imbecille non ha fatto i conti con l'altro incarcerato, che diventerà la spalla di Ray, ed è solo grazie a lui, che riuscirà a fuggire in un carcere la cui sicurezza è fuori discussione, dopo che viene incarcerato con la forza, quasi come fosse un rapimento.
Un Action che ha il sapore anche del thriller che lascia davvero soddisfatti, speriamo che il capitolo due sia alla stessa altezza, e che il divertimento sia anche maggiore.
Per me è un action con le palle, anche Swarzy interpreta un carcerato, che si sospetta sia lì per lo stesso motivo di Sly, e poi all'ultimo si scopre un po' tutto.
Per me ha rappresentato una vera e propria sorpresa, e se ve lo perdete ve ne potreste pentire.
Se lo dico io da autentica cinefila, ci dovete credere.








Commenti

  1. Non è il crack che forse in tanti si aspettavano (anche perché avere quei due signori lì insieme, non è cosa da poco) ma resta un solido filmetto che fa davvero il suo dovere, Sly lo ha già reso una trilogia, con il terzo capitolo in lavorazione, ma questo resta il capitolo migliore ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh davvero? E pensare che il secondo l'ho trovato un po' sottotono, ne parlerò domani, intanto tra poco c'è il mercatino con i consigli per gli acquisti se vuoi comprare qualcosa, e poi la recensione di è nata una stella

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.