Passa ai contenuti principali

Al Calare delle tenebre

Questo è un horror atipico, che sembra più una filastrocca, o meglio ancora una leggenda metropolitana, e da questo horror che narra la storia di una donna che amava molto i bambini e che ogni volta che perdevano un dentino donava loro delle monetine, ma un giorno è stata vittima di un incendio, in cui rimase sfigurata, e ha dovuto portare una maschera di porcellana perchè la sua pelle è rimasta sensibile alla luce del sole, quindi la gente ha cominciato ad allontanarla come un appestata, leggenda vuole che la donna ha continuato a portare le monetine ai bambini, ma loro non dovevano guardarla in faccia. La storia prende il via quando un bambino dopo aver ottenuto la monetina dalla donna la guarda negli occhi, e questa comincia a perseguitarlo, la prima vittima è la madre del bambino che muore per salvargli la vita, una volta cresciuto la fata dentina colpisce ancora, e si dovrà salvare la vita di un altro bambino, ci riusciranno?
Un film originale e intrigante, girato bene, che si distanzia dai soliti filmetti che fanno più ridere che spaventare, che parte benissimo per dare tenzione che non ti lascia mai dall'inizio alla fine, in un crescendo di suspance in cui la persona che in vita è stata buona dopo un incendio, viene allontanata da tutti, creando una specie di empatia nello spettatore, e anche un po' di umanità nel mostro che di solito viene dipinto come crudele e inumano, qui invece la storia comincia con quella che potremmo  definire una leggenda, che piano piano ha un suo sviluppo e una sua storia, che ha iniziato ad esistere grazie alla crudeltà degli altri esseri umani che l'hanno allontanata, perciò la fata dentina pur restando vicina ai bambini, ha messo la sua regola, ma in quanti la seguiranno rispettandola?
Il film è pieno di riferimenti all'infanzia, che ha nella paura il suo centro e il suo epicentro, e una persona buona che restando sfigurata vuole lo stesso  dare il suo altruismo agli altri, e la paura generata è causa della crudeltà degli esseri umani che l'hanno trattata come un appestata, di certo i bambini avvolte non sapendo la storia la guardano, e sarà l'inizio di un incubo che non ha fine finchè quegli stessi bambini non moriranno, perchè bisogna rispettare gli altri è questa la sintesi della storia, perchè il male causato non l'ha voluto di certo la fata dentina.
Tensione, brividi e suspence non lasciano mai lo spettatore che si trova davanti a un film fatto bene, finalmente dopo tanti prodotto di scarsa qualità, pur non essendo un capolavoro è un buon film diretto e scritto benissimo che fa di certo la sua buona figura.
DA COLLEZIONARE.


Commenti

  1. Nonostante la presenza della mia adorata Emma Caulfield l'avevo odiato dal primo fotogramma, trovandolo ridicolo (colpa anche dell'adattamento italiano: un nome come "fata dentina" come fa a metter paura? XD) e noiosissimo.
    Ovvio, l'avevo visto al cinema e non lo guardo da allora, magari un recupero mi farebbe cambiare idea, ma non ne sono certa!

    RispondiElimina
  2. poi mi dici eh? A me non è dispiaciuto :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.