Passa ai contenuti principali

Due occhi diabolici

Ultimo appuntamento con la rassegna di George Romero, e per chiudere in bellezza, questa settimana, ecco l'ultimo film, diretto a quattromani con nientepopodimeno che Dario Argento, prendendo spunto su due racconti di Edgar Allan Poe si è voluto fare un film a quattromani in cui Romero, dirige il primo episodio, che vi dico subito è una chicca imperdibile, specialmente se questo regista lo conoscete, e Argento dirige il secondo episodio.
Qual'è la prova migliore? Senza dubbio quella di Romero, io la definisco terrificante, anche se anche Dario Argento non scherza affatto, beh prima che si impantanasse in filmacci di bassa qualità almeno nel secondo episodio, ci sono tutte le sue tematiche il che non è male. Ma veniamo a noi ecco la recensione vera e propria...
Primo episodio, che è quello che ci interessa maggiormente che si chiama Fatti, nella vita del signor Valdemar, abbiamo come protagonisti una coppia di diabolici amanti, in palio c'è un ricchissimo testamento e si ci deve sbarazzare del cadavere del marito di lei, come fare? Grazie all'ipnosi di un medico che è l'amante della donna, ma ci sono delle coincidenze che giocheranno a loro sfavore, l'uomo morirà e siccome, è stato ipnotizzato, si è aperto un varco dall'aldilà e lui è tra il mondo dei vivi e quello dei morti, l'unica soluzione è svegliarlo dall'ipnosi, ma il medico ci penserà quando sarà ormai troppo tardi e la moglie sarà morta, pensate che tutto questo è finito? No amici miei, perchè se la porta si è aperta, sarà difficile chiuderla, specialmente se il medico per prendere sonno si autoipnotizza e muore nel sonno, come pensate potrà risvegliarsi?
Secondo episodio diretto da Argento il cui titolo è Il gatto nero, protagonista è un fotografo, interpretato da Harvey Keytel, che è ossessionato dalle immagini di violenza e morte, ed è sempre presente sulle scene di efferati delitti, quando muore il gatto della sua compagnia si scatena in lui una furia omicida che sarà per lui una trappola, perchè nonostante la buona volontà nel mascherare i suoi crimini, un gatto nero perseguita la sua esistenza e le bugie non avranno potere e saranno per lui una mannaia come le pedine del domino che cadono a una  a una, nonostante tutti gli sforzi, alla fine non sarà facile liberarsi sia dei vicini impiccioni che dei poliziotti che alla fine scopriranno il cadavere della compagna mangiato dai cuccioli di gatto...e sarà la fine...

Bene, due grandi autori si incontrano per raccontare storie terrificanti tratte dai racconti di Edgar Allan Poe, ve lo dico subito, è un opera ambiziosa quanto intrigante, e per tutti gli amanti dell'horror non si può certamente perdere, con buona dose delle tematiche dei due autori che sono ben presenti, l'episodio migliore resta comunque quello di Romero, anche se neanche Argento scherza, il suo è l'episodio più terrificante, ma mentre Romero gioca col pubblico, Argento, cerca di raccapricciarlo, creando una dicotomia da rendere la pellicola imperdibile per ogni appassionato di cinema e di cinema di genere che si rispetti.
Forse è l'ultimo dei grandi horror, dico forse perchè ovviamente il cinema di genere è ancora da esplorare, diretto da due autori della vecchia guardia, e tutti questi novellini dovrebbero guardarlo per imparare come impaurire la gente, e mollare le telecamerine, perchè tanto quelle non servono a niente e fanno solo girare i cocomeri, bene, che altro dire? Da non perdere ovviamente.
DA COLLEZIONARE.



Commenti

Post popolari in questo blog

Nightmare Alley - La Fiera delle Illusioni

  C'è chi con le illusioni ci campa una vita intera... C'è chi usa le illusioni per scopi personali... C'è chi usa le illusioni per giocare con le vite altrui... Dobbiamo renderci conto che questo film, pur essendo un remake, è girato maledettamente bene, forse non è perfetto, ma è buono, e questo basta e avanza per guardarlo. Un film dove Cate Blanchett fa la cattiva non si può perdere, affatto. Alla regia abbiamo quel grandissimo regista che risponde al nome di Guillermo del Toro , da me amatissimo, sin dalla prima volta che vidi  Mimic , in cui recita anche il nostro Giancarlo Giannini , ma è con  Il Labirinto del Fauno , che è entrato nella rosa dei miei registi preferiti, e da allora ho sempre cercato di guardarli i suoi film. Non sono tutti presenti alla fabbrica, ma vi assicuro che ben presto arriveranno, e questa è una mia promessa. Nightmare Alley  si allontana dal genere fantastico che di solito dirige, e così Del Toro  firma un Noir , all'inizio ambientato in

Pretty Little Liars - Stagione 6

  Serie perfetta per un Guilty Pleasure, però stavolta vorrei fare una seria recensione, per quanto mi è possibile. Non ho mai nascosto che Pretty Little Liars mi diverte, però alla lunga che noia... E' sempre la solita storia che si ripete, annata dopo annata senza mai arrivare a un punto. Dopo lo smascheramento di A da parte delle Liars, eccone spuntare un altra, spuntano come funghi, la storia è divisa tra quando vengono imprigionate da A, che poi sarebbe Charles Di Laurentiis  diventato Charlotte Di Laurentiis , e questi gioca con loro, finalmente si scopre chi è che perseguita le cinque amiche, Charlotte viene imprigionata e passano cinque anni...e un nuovo stalker ricomincia la tiritera, perché vuole l'assassino di Charlotte . Ok, credo che a volte è meglio fare poche stagioni ma buone, che tante per allungare il sugo senza alcun motivo. Perché sembra che sia una serie dejavù, dove le cinque protagoniste vengono perseguitate in continuazione, al loro posto sarei andata in

#LaPromessa2022 - A Hidden Life - Una Vita Nascosta

 Questa è la storia di un uomo coraggioso, Franz Jagerstratter che non si è piegato davanti a Hitler , e ha tenuto fede alla sua parole fino in fondo, arrivando persino ad essere condannato a morte e impiccato, perché? Perchè doveva giurare fedeltà a quel bastardo di Hitler, di conseguenza si è rifiutato di arruolarsi nel suo esercito. Le conseguenze arrivano dai vicini e abitanti del villaggio dove sua moglie e le sue figlie vengono trattate come appestate, ma lui non cede e manda avanti la sua scelta per le sue convinzioni cattoliche, per via della sua coscienza, e del mondo intorno a lui, dove si accorge che il terzo reich è sbagliato e allora decide di non fare quello che fanno tutti, arruolarsi e giurare fedeltà al dittatore nazista. Anche sua moglie si accorge che il marito ha ragione, e decide di appoggiarlo, nonostante le conseguenze, nonostante lo sprezzo degli abitanti del villaggio, lui è coerente con la sua scelta. Morirà sul patibolo, ma diventerà beato grazie a Papa Bene