Passa ai contenuti principali

Il cuore grande delle ragazze

E' una commedia romantica, quella diretta da Pupi Avati, un film fatto alla vecchia maniera con un cast di attori brillanti tra cui spicca l'ex cantante del lunapop Cesare Cremonini che con Micaela Ramazzotti, sono la coppia di innamorati protagonista di questo film.
E' un film girato benissimo, fresco, brillante, capace di conquistare il pubblico scena dopo scena, e per un film italiano non è roba da poco, il cast di attori poi è azzeccatissimo, anche se Andrea Roncato  mi è sembrato un po' fuori parte, una piccola nota stonata, ma forse fa parte del personaggio, il padre del ragazzo.
Carlino, figlio di contadini, è invitato dalla famiglia proprietaria del terreno dove lavora suo padre a casa loro per conquistare una figlia in età da marito, il fatto è che sono due le ragazze, e il trio passa il tempo a giocare e a ridere, le cose cambiano quando arriva Francesca, molto più bella delle sorelle, e tra i due ragazzi scoppia l'amore inizialmente osteggiato dai genitori di lei, così i due ragazzi si frequentano di nascosto, va tutto bene finchè lui non ne può più di aspettare che vuole fare l'amore con lei, e allora si sposano, al primo tentativo non va bene perchè il prete è malato, quindi devono rimandare le nozze, ma quando finalmente giungono a sposarsi, lui la tradisce con un altra donna, e senza aver consumato lei lo lascia perchè gelosa, e non ci può niente e nessuno per farla tornare, finchè non arriva la notizia della morte di Carlino...
Frizzante, scoppiettante, fresca, è una commedia girata benissimo e ambientata nell'italia degli anni trenta, recitata benissimo e scritta altrettanto bene, con protagonisti curiosi e bizzarri che riescono ad entrare nell'immaginario degli spettatori, come la sorella di Carlino,  che aspetta sempre il ciclo mestruale e ha i capelli lunghissimi e sta a letto tutto il giorno, il padre della sposa che critica sempre il padre dello sposo, personaggi altamente sopra le righe che riescono a divertire esattamente perchè appaiono per come sono, molte volte si sfiora il ridicolo, alcuni non li sanno caratterizzare i personaggi, Pupi Avati invece, li rende empatici riuscendo a far sorridere anche in scene drammatiche il che è un vantaggio a suo favore.
In conclusione è un bellissimo film di un autore che sa raccontare storie, ma soprattutto sa come raccontarle per fare divertire il pubblico, sia ai propri fan, che a quelli che si stanno avvicinando al suo cinema, come la sottoscritta, e di questi tempi con il cinema italiano è cosa più unica che rara.
DA NON PERDERE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.