Passa ai contenuti principali

Juno

Opera seconda di Jason Reitman che segna l'inizio della collaborazione con la blogger Diablo Cody che ha scritto questo splendido film, protagonista è una teenager che rimane incinta dopo la sua prima volta...ehy aspettate, no non è come credete voi, non è il solito filmetto teen per adolescenti vuoto e superficiale in cui servono fazzoletti in quantità industriale, si Juno è un film che commuove e che diverte allo stesso tempo, il tutto calibrato, dalla brillante sceneggiatura di  Diablo Cody, e dalla regia di Jason Reitman, che dimostra talento anche con il suo secondo film, che è stato la rivelazione cinematografica della stagione 2007/08 vincendo anche il festival del cinema di Roma, ma premi a parte, c'è la storia che è originale e al tempo stesso intelligente e spassosa.
Protagonista è Juno, una adolescente che decide di far sesso con un compagno che le piace, ma resta incinta, come risolvere la cosa? Ovvio all'inizio si cerca di interrompere la gravidanza per eliminare l'incidente di percorso, ma quando scopre grazie ad un amica che invita le donne a non abortire e le dice che il bambino che aspetta ha le unghie e all'ambiente un po' sopra le righe della clinica abortiva un po' sopra le righe, decide di tenersi il bambino, e come risolvere la cosa? Ovvio, cercando una famiglia che possa adottarlo, all'inizio la sua decisione verrà presa male da parte delle amiche e del padre, ma poi piano piano aiuteranno Juno in questa sua scelta, il ruolo del padre della ragazza è fondamentale, perchè nonostante tutto cerca il meglio per sua figlia appoggiando questa sua iniziativa, anche la matrigna che è per lei come una madre, le fa da madre in tutto e per tutto standole vicino, troverà i genitori giusti per il suo bambino? Si e anche no...ok scusate lo spoiler la verità è un altra, ma lo scoprirete quando visionerete il film.
Cosa ne penso io? Innanzitutto ci troviamo davanti a una commedia fresca, spiritosa diretta da un regista ispirato, i personaggi sono presentati in modo spigliato e intelligente, ognuno con un suo preciso punto di vista condivisibile o meno, la cui peculiarità è entrare in sintonia con gli spettatori, è facile riconoscersi in Juno, che è ancora una bambina, ma dimostra una maturità fuori dal comune, a rispetto di altri che davanti alle scelte scappano via, viene spontaneo pensare che Juno è tutti noi, ed è proprio così, conoscerà una coppia di coniugi che non possono avere figli e li sceglierà come genitori per il suo bambino.
Dico solo una cosa, si stabilisce un rapporto speciale tra Juno e la madre adottiva del suo bambino, dico solo questo e per chi ha visto il film sa di cosa sto parlando, un film che noi donne dovremmo vedere, e soprattutto far vedere ai nostri compagni o mariti o fidanzati, per capire la forza delle donne e la meraviglia di diventare genitori, cosa che molto spesso oggi viene presa in maniera superficiale.
In conclusione, un film dove la commozzione e le risate sono presenti, e vengono trasmesse da personaggi che riescono ad entrare nel nostro cuore con una semplicità unica, bravissima Ellen Page, che per questo ruolo si è trasformata in Juno riuscendo ad essere naturale e fresca, anche tutti gli altri attori sono bravissimi, compresa Jason Bateman e Jennifer Garner, che sono i genitori adottivi del bambino di Juno.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.




Commenti

  1. Forse il mio preferito di Reitman, diciamo il "lato A" di Young adult.
    Scritto benissimo, interpretato alla grande e con una colonna sonora da paura.

    RispondiElimina
  2. concordo, un piccolo capolavoro da collezionare ^_^

    RispondiElimina
  3. cult, come tutto ciò che fa quella diavolessa di una diablo cody

    RispondiElimina
  4. Delizioso, un vero cult.

    RispondiElimina
  5. Uno di quei film godibili e frizzanti che puoi vedere e rivedere senza stancarti mai! http://incentralperk.blogspot.it/2012/02/juno.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.