Passa ai contenuti principali

Knightriders - I Cavalieri

Una piccola pausa della saga sui morti viventi, e Romero, riesce a dirigere un film con grande budget, ma con il limite della troppa ambizione, è un film a cui teneva molto, ed è ispirato in parte dal re Artu e i cavalieri della tavola rotonda, solo che lo fa alla sua maniera, imbastendo una storia d'azione i cui cavalieri invece dei cavalli si scontrano con le motociclette.
Protagonista è Ed Harris, che diventerà amico di Romero, ma veniamo al film, non è male, è un opera sperimentale che originariamente durava quasi tre ore, ma per il mercato italiano è stato accorgiato di mezz'ora, in questo film Romero si allontana drasticamente dal genere che lo ha reso famoso, ma che ahimè ai botteghini si è dovuto scontrare con Excalibur di Boorman, perdendo drammaticamente il confronto, è un opera a se stante, molto personalizzata e da recuperare, non tanto se amate le lotte tra cavalieri, anche perchè Romero teneva molto a questo film, quindi il recupero semmai ci dovrà essere è più un omaggio al suo autore che altro, soprattutto se amate il cinema di Romero.
Oddio il film non è un capolavoro, bene o male ha le sue scene che valgono, l'eroismo dei protagonisti la fa da padrone per tutta la pellicola, ci sono i cattivi, c'è chi ha preso il posto del re, che sarà ripreso nel finale...e così via.
E' un film d'avventura sperimentale e molto personale, l'ambientazione è contemporanea, e i cavalieri si travestono per fare i loro duelli, ma ci sono sempre i viscidi, gli agenti che ci vogliono mangiare sopra, lo sceriffo che vuole soldi anche lui, tra i difetti del film c'è una certa staticità che ne appesantisce la visione, e menomale che lo hanno accorciato, anche se il film rimane tutt'ora inedito, ma è uscito solo nella versione televisiva accorciata, soprattutto qui da noi in Italia.
E' sorpendente la capacità di Romero di spaziare in un altro genere e personalizzando, rimanendo se stesso, un opera coraggiosa che sa narrare molto bene, in compenso c'è la recitazione di un cast affiatato che ne salva la qualità, è un piccolo oggettino di culto solo per amanti del cinema di Romero, tutto il cinema e non solo il genere horror con cui Romero sta più a suo agio.
APPETITOSO.


Commenti

  1. mi piacque all'epoca quando lo vidi, non un capolavoro ma decisamente appetitoso come dici tu...

    RispondiElimina
  2. si è appetitoso, anche se Romero ha fatto decisamente di meglio dopo, questo film non è male perchè si distanzia dal genere horror, e fa capire che sa fare anche altri generi cinematografici, il che è un vantaggio :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.