Passa ai contenuti principali

Ombre dal passato

PREMESSA, non ho visto il film originale, quindi parto un po' a svantaggio in questo momento, appena vedrò l'originale magari parlerò dettagliatamente dell'opera, quindi in questa recensione mi limiterò a parlare di questo film, che come tutti gli horror giapponesi, hanno la loro versione a stelle e strisce, il motivo ormai lo sapete, non voglio essere ripetitiva perchè altrimenti finisco di scrivere la stessa recensione per tutti i film  e rischio di diventare noiosa.
La regia di un giapponese, forse sembra qualcosa di intrigante, e nonostante ci siano momenti da alta tensione, ben calibrati non si va al nocciolo della questione e quando si arriva a sbrogliare l'intera matassa si perde dentro un bicchiere d'acqua, l'originale sarà sicuramente migliore, e mi premurerò a guardarlo il prima possibile.
Come dico sempre io, ha senso rifare un film? Si e no, per la prima ipotesi guardi un film rifatto da altri e il più delle volte vuoi guardare l'originale per confrontare la qualità, non ha senso perchè già esiste una pellicola, quindi se si fanno i remake è anche una questione di soldi e anche di ingaggiare attori belli e famosi, per richiamare il pubblico delle giovanissime, il che è uno svantaggio per la pellicola, in altri casi sono gli stessi autori dell'originale a rifare i remake, con risultati ben più diversi, altri casi invece si fanno per farsi un nome a livello internazionale, una volta la pensavo diversamente e dicevo che i remake sono utili per conoscere i film originali, in parte è vero, ma veniamo al film, non è male ma mi aspettavo di meglio, certo è guardabile rispetto a tanti filmetti usciti di recente che invece di rabbrividire fanno schiattare dalle risate, ma non è neanche tutto sto grande film, in scena abbiamo due fidanzati, e un terribile segreto legato a lui, al ragazzo che si materializza quando la ragazza crede di aver investito un altra ragazza, e se la ritrova per casa in giro a vagare come un fantasma che li perseguita, finito lo spavento iniziale, cerca informazioni riguardanti lo spettro, fino a scoprire la sconvolgente verità.
Ma veniamo al punto, il film è guardabile, il tipico film che nonostante ci siano difetti evidenti non è male guardare con accanto un pacchetto di pop corn e una cocacola, ma si ferma lì, un semplice film di  intrattenimento e basta, che più che brividi regale un po' di tensione e qualche sussulto, che in un film horror equivale allo sbadiglio davanti a una commedia.
Ho visto horror decisamente migliori di questo, per una dettagliata analisi aspettate la recensione del film originale.


Commenti

  1. Un horror al limite dell'indecenza: lento, noioso, con personaggi irritantissimi e troppe facce bolse prese direttamente dalla TV.
    Nemmeno io ho ancora visto l'originale tailandese, ce l'ho in DVD che aspetta da un po', ma chi lo ha visto ha avuto parole di apprezzamento, pare faccia davvero paura.

    RispondiElimina
  2. infatti, mi sa che a giorni lo vedo anche io, per questo si condivido, troppe facce pulite, troppo stereotipato, da sussulti, non fa spaventare...e questo è più un difetto che un pregio ^^

    RispondiElimina
  3. Questa è bella: ho visto questo il film al cinema quando uscì, ma quando ho letto "Ombre dal passato", mi è venuto in mente un mio racconto scritto nel 2007 ahahaha, si vede che il film non mi ha colpito particolarmente. C'era Joshua Jackson che tanto mi piace, era un horror e sono andata...ammetto che lo ricordo anche abbastanza bene, ma non so perchè il titolo non me lo ricordavo affatto. Comunque c'è di meglio in giro, senz'altro, magari l'originale sarà riuscito meglio, anche io non l'ho ancora visto.

    RispondiElimina
  4. Io lo sto guardando, proprio in questo momento ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.