Passa ai contenuti principali

17 Ragazze

Tutti noi da ragazzi abbiamo avuto dei sogni, tutti i ragazzi hanno dei sogni, anche le ragazze, in questo caso forse è un sogno un po' azzardato, una trasgressione per così dire, vedendo che una di loro aspetta un bambino si mettono d'accordo per uscire incinte e aiutarsi a vicenda, e si scontreranno con le famiglie, che cercano di farle ragionare, dicendo loro che un figlio non è come un orsacchiotto di pelouche, o un braccialetto da portare come simbolo della loro amicizia, ben presto inizia il girotondo delle ragazze che a poco a poco, escono incinte, si vedono come persone diverse dai loro genitori, e cercano, anzi sognano, che se faranno tutto insieme saranno migliori dei loro genitori, è un gioco, una trasgressione, sebbene sia così facile uscire incinte, alla fine dovranno fare i conti con la loro trasgressione, che si rivela diversa di come si immaginavano, perchè uscire incinte è facile, ma far nascere e crescere un bambino è tutt'altra cosa, lo scopriranno quando la prima che si è tirata tutte quante partorirà, non dico altro per non rovinare la sorpresa a chi ancora non l'ha visto, è un film sulla trasgressione, sulla gioventù, la gravidanza, che all'inizio è vista come una sfida alla società e soprattutto alla famiglia con cui le ragazze vivono, si rivelerà il tallone d'achille per tutte quelle che hanno seguito la protagonista della storia, è bene sottolineare che è giusto sognare qualcosa, specialmente a quella età, ma trattare una gravidanza, come fosse un nuovo cellulare figo, o un giochino figo, è un altro discorso, l'iniziativa, che all'inizio sembrava pregevole per le nostre eroine garantisce emozioni e coinvolgimento, per la solidarietà espressa all'inizio che rappresenterà un viaggio verso la consapevolezza di se e la maturità delle nostre teenager.
Il film tratto da una storia vera, diretto dalle sorelle Coulion, sensibile, innocente, capace di fare riflettere su qualcosa che è importante nella vita di ogni essere umano, c'è tempo per tutto, e correre per qualcosa di cui cerchi di essere migliore dei tuoi è di gran lunga qualcosa che alla lontana lascia un cambiamento precoce e che cambierà totalmente la loro vita, non basta trasgredire, o sentirsi fighe, qui c'è in ballo una vita umana, che una volta grande cercherà delle risposte, e cosa diranno le nostre eroine al pargoletto una volta cresciuto? Con questo non voglio condannare chi cerca di essere se stesso sognando qualcosa, anzi, tutt'altro, la morale del film, che di per sè è il suo significato più importante è che se fai una scelta, devi avere la maturità e la consapevolezza che se la stai prendendo è perchè la vuoi fare, non per seguire le tue amiche o per trasgredire.
DA NON PERDERE


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.