Passa ai contenuti principali

Last Days

Ultimo capitolo della trilogia della morte, per questo film Gus Van Sant si ispira alla tragica morte del leader dei Nirvana Kurt Cobain, cambiando ovviamente nome ai personaggi, forse per una questione di diritti, ma la  storia tragica fa comunque capire chiaramente di chi si tratta, ci troviamo di fronte a uno dei film sperimentali e complessi della filmografia di Van Sant, completamente lontano dal clamore dei due precedenti capitoli della trilogia, qui si respira aria di sofferenza, il protagonista Blake è un loser, completamente inghiottito dalla sua solitudine, dal male di vivere, la moglie e gli amici sono completamente assenti, e tutto il mondo attorno a lui non lo prende in considerazione, è un essere invisibile, quasi anonimo, che vive la vita in silenzio, senza speranza nè prospettive, è un personaggio depresso, complesso, che solo la bravura di un attore come Michael Pitt ha saputo trasmettere sullo schermo.
D'altra parte la regia di Gus Van Sant è asettica, filma esattamente ciò che accade come voler dare un pugno nello stomaco allo spettatore per trasmettere quella stessa depressione alla visione di quest'opera, i cui dialoghi sono ridotti all'osso, per accentuare l'oppressione che vive il protagonista, con una pesantezza quasi soffocante, ma se non ci fosse stata il film sarebbe stato banale, ed è proprio questo lato atroce del film che lascia lo spettatore impressionato.
Non ci sono vie di mezzo, o lo si ama questo film, o lo si odia, ma ve lo dico subito, non è un film per tutti, quindi se volete un film di intrattenimento vi posso consigliare mille e più titoli, ma se volete un film complesso e vi piace il cinema sperimentale allora questa è un opera da non perdere.
Sicuramente è il film più disperato di Van Sant, venato di un pessimismo che va oltre ogni limite, in cui chiaramente Van Sant dimostra fin subito allo spettatore che non vuole essere tenero, anzi tutt'altro, lo vuole scioccare, non con particolari scene impressionanti, ma con l'ambientazione della storia, per altro scritta benissimo e diretta in modo superbo da un autore che ha ormai raggiunto una maturità registica che non lascia dubbio della sua grandezza.
DA COLLEZIONARE.


Commenti

  1. un grande film. certo non la pellicola su kurt cobain che molti si aspettavano.0
    credo però che a kurt sarebbe piaciuto molto

    RispondiElimina
  2. lo credo anch'io, è cmq una pellicola sperimentale, di non facile ingestione, ma è pur sempre un grande film, dietro la macchina da presa abbiamo Van Sant, mica un novellino qualunque ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.