Passa ai contenuti principali

Il Sorpasso

"Chi è sta cicciona?
Mia mamma
Ah perbacco, bella donna"


"Non bevi, non fumi, non sai guidare la macchina.
ma ti godi la vita tu?"


"Ma non ci siamo già conosciuti io e lei?
Non mi pare.
Ma si, come no! Sa dove?
Dove?
Lì alla macchina delle sigarette, poco fa!"


Questo film è un autentico cult, un capolavoro, che racconta di un viaggio in automobile, nel giorno di ferragosto di un quarantenne immaturo, che non ha nulla da fare nella vita, e di un giovane studente universitario, che viene coinvolto dal primo nel suo giro in macchina a zonzo per l'italia, è un road movie che racconta l'italia del boom, e devo dire che invecchia bene, come il vino buono, io che l'ho visto da poco posso constatare anche l'amarezza che ci ha messo Risi di due generazioni a confronto, quella disillusa che della vita non gliene frega un cavolo, e quella di grandi speranze che vengono a meno grazie all'invadenza del primo.
Il personaggio cardine è ovviamente Bruno, interpretato da Vittorio Gassman, che inizialmente doveva interpretarlo Sordi, ma per impegni ha rinunciato al film, Gassman riesce a centrare appieno il personaggio di Bruno e a caratterizzarlo alla sua maniera, riuscendo a creare un icona che dentro l'italia del boom ci sta a pennello.
Bravissimo anche Jean Louis Trintignant, qui ancora giovanissimo che riesce ad essere naturale nella sua interpretazione del giovane studente ingenuo.
Nonostante sia una commedia, si nota l'amarezza con cui la storia è narrata, un banalissimo giro in macchina si trasforma in un viaggio che cambierà la vita ad entrambi, due uomini appartenenti a due generazioni differenti, il primo immaturo fannullone, il secondo è un ingenuo che vuole staccare la spina con lo studio, il tutto comincia con una telefonata di Bruno alla casa dello studente, e dopo grazie alla sua invadenza lo coinvolge nel suo giro in macchina, che nel bene o nel male cambierà la vita a entrambi, il finale amaro lascia supporre che nella vita non si può decidere il proprio destino.
E' un film è stato fonte di ispirazione per Dennis Hopper che poi ha diretto Easy Rider dal titolo americano del film di Risi che era Easy Life.
Il viaggio che sarà di sola andata per il giovane compagno di bruno, racconta di un italia che ormai non c'è più e si nota la critica di Risi verso la superficialità del boom economico, del benessere rappresentato da Bruno, due mondi si incontrano e si scontrano in un viaggio che alla fine non sarà per il giovane studente di ritorno, non è certo un viaggio iniziatico, è un viaggio lungo l'imprevedibilità della vita, che tutto lascia sperare per un ritorno, ma che non arriverà mai, un ritorno a quella sicurezza in cui il ragazzo è cresciuto, come la scelta di una strada da percorrere, solo che se fosse tornato e avesse insistito, le cose sarebbero state migliori, ma non si può andare in faccia al proprio destino, non quando percorri una strada sconosciuta piena di incertezze che ti allontana sempre di più verso la tua vita e il tuo futuro.
In conclusione, una commedia senza happy end, che è entrata nella storia del cinema e ancora oggi è attualissima nonostante siano passati cinquant'anni dalla sua uscita.
CAPOLAVORO.









Commenti

  1. Che bei film abbiamo nell'Italia del passato!

    RispondiElimina
  2. Uno dei film italiani che preferisco. ^^

    RispondiElimina
  3. un grandissimo film direi, Vittorio Gassman è veramente grande :)

    RispondiElimina
  4. Imprescindibile quadro dell'Italia, non solo cinematografica, che fu.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…