Passa ai contenuti principali

Il Sorpasso

"Chi è sta cicciona?
Mia mamma
Ah perbacco, bella donna"


"Non bevi, non fumi, non sai guidare la macchina.
ma ti godi la vita tu?"


"Ma non ci siamo già conosciuti io e lei?
Non mi pare.
Ma si, come no! Sa dove?
Dove?
Lì alla macchina delle sigarette, poco fa!"


Questo film è un autentico cult, un capolavoro, che racconta di un viaggio in automobile, nel giorno di ferragosto di un quarantenne immaturo, che non ha nulla da fare nella vita, e di un giovane studente universitario, che viene coinvolto dal primo nel suo giro in macchina a zonzo per l'italia, è un road movie che racconta l'italia del boom, e devo dire che invecchia bene, come il vino buono, io che l'ho visto da poco posso constatare anche l'amarezza che ci ha messo Risi di due generazioni a confronto, quella disillusa che della vita non gliene frega un cavolo, e quella di grandi speranze che vengono a meno grazie all'invadenza del primo.
Il personaggio cardine è ovviamente Bruno, interpretato da Vittorio Gassman, che inizialmente doveva interpretarlo Sordi, ma per impegni ha rinunciato al film, Gassman riesce a centrare appieno il personaggio di Bruno e a caratterizzarlo alla sua maniera, riuscendo a creare un icona che dentro l'italia del boom ci sta a pennello.
Bravissimo anche Jean Louis Trintignant, qui ancora giovanissimo che riesce ad essere naturale nella sua interpretazione del giovane studente ingenuo.
Nonostante sia una commedia, si nota l'amarezza con cui la storia è narrata, un banalissimo giro in macchina si trasforma in un viaggio che cambierà la vita ad entrambi, due uomini appartenenti a due generazioni differenti, il primo immaturo fannullone, il secondo è un ingenuo che vuole staccare la spina con lo studio, il tutto comincia con una telefonata di Bruno alla casa dello studente, e dopo grazie alla sua invadenza lo coinvolge nel suo giro in macchina, che nel bene o nel male cambierà la vita a entrambi, il finale amaro lascia supporre che nella vita non si può decidere il proprio destino.
E' un film è stato fonte di ispirazione per Dennis Hopper che poi ha diretto Easy Rider dal titolo americano del film di Risi che era Easy Life.
Il viaggio che sarà di sola andata per il giovane compagno di bruno, racconta di un italia che ormai non c'è più e si nota la critica di Risi verso la superficialità del boom economico, del benessere rappresentato da Bruno, due mondi si incontrano e si scontrano in un viaggio che alla fine non sarà per il giovane studente di ritorno, non è certo un viaggio iniziatico, è un viaggio lungo l'imprevedibilità della vita, che tutto lascia sperare per un ritorno, ma che non arriverà mai, un ritorno a quella sicurezza in cui il ragazzo è cresciuto, come la scelta di una strada da percorrere, solo che se fosse tornato e avesse insistito, le cose sarebbero state migliori, ma non si può andare in faccia al proprio destino, non quando percorri una strada sconosciuta piena di incertezze che ti allontana sempre di più verso la tua vita e il tuo futuro.
In conclusione, una commedia senza happy end, che è entrata nella storia del cinema e ancora oggi è attualissima nonostante siano passati cinquant'anni dalla sua uscita.
CAPOLAVORO.









Commenti

  1. Che bei film abbiamo nell'Italia del passato!

    RispondiElimina
  2. Uno dei film italiani che preferisco. ^^

    RispondiElimina
  3. un grandissimo film direi, Vittorio Gassman è veramente grande :)

    RispondiElimina
  4. Imprescindibile quadro dell'Italia, non solo cinematografica, che fu.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.