Passa ai contenuti principali

Il Seme della Follia

Inizia questa settimana, una rassegna a cui tengo molto, quella dedicata a John Carpenter, il mio mito un vero maestro horror, che insieme a due geni come David Cronenberg e George Andrew Romero, formano il gruppo dei maggiori esponenti del cinema di genere internazionale, qui siamo a livelli alti signore e signori, e per il film d'esordio ho pensato bene di re-visionare Il seme della follia per poter scrivere una recensione fresca e immediata.
Bene comincia lo spettacolo, mettetevi comodi, che ora parliamo del film, in scena abbiamo uno scrittore, di successo che è in ritardo per la consegna del suo ultimo libro, il suo nome è Sutter Cane, ed è molto letto dagli amanti della letteratura horror, perchè sta ritardando nella consegna? E soprattutto dove si trova? Con questi interrogativi, l'editore della casa editrice invia John Trent un esperto in assicurazioni con una sua assistente per cercare Cane, vi dico subito che si tratta di un viaggio in cui si entra letteralmente nel mondo di Cane, come se la storia che sta scrivendo prendesse vita, infatti la realtà e la finzione si mischiano, e persino il viaggio che Cane e la donna intraprendono è strano, perchè è strano? Perchè arrivano direttamente nella cittadina fittizzia di Obb's End, luogo dove sono ambientate le vincende horror scritte da Cane e Trent sarà testimone di una brutale quanto agghiacciante perdita della lucidità che comincia con dei bambini che vengono attirati in una chiesa sconsacrata, il male si diffonde ovunque, in forma apocalittica, generando psicosi di massa, e mentre Cane scrive, appaiono mostri allucinanti, accadono omicidi insensati e tante altre cose, sarà un apocalisse senza via d'uscita, perchè il romanzo non ha una fine precisa, è come se Trent diventasse un personaggio della storia, il film comincia con Trent rinchiuso in un manicomio che spiega allo psichiatra come si sono svolti i fatti, man mano che il suo racconto va avanti, l'uomo capisce che tutto ciò che racconta non può essere la realtà, ma E' la realtà, che lo voglia o no, ormai la finzione creata da Cane, e il suo mondo, vivono in un altro piano cosmico, in cui Trent e la sua collega sono stati risucchiati, persino la donna quando entra nella chiesa rimane contagiata dal male creato da Cane rimanendo imprigionata nella storia.
Lasciatemelo dire, questo film è un capolavoro, è stato uno dei primi film di Carpenter che ho visto, e che ogni tanto rivedo sempre con piacere, la prima volta che l'ho visto ne rimasi piacevolmente impressionata, il film è curato in tutti i dettagli, la regia, la sceneggiatura, la recitazione degli attori, c'è tutto al posto giusto, ed è il film più allucinato di Carpenter, in cui si notano gli incroci tra il bene e il male che combattono nello stesso piano, tematica che si può dire è il centro del cinema di Carpenter, ma con questo film va oltre, perchè è un film che incrocia la realtà con la finzione, mischiando le carte, rimescolando i generi, questo film è come un allucinazione di massa, che si immischia con l'apocalisse e la fine del mondo e della civiltà umana, il romanzo di Cane sta al centro, e tutti i personaggi ne sono i protagonisti, e DIVENTANO letteralmente i protagonisti del film facendo un tuttuno fino a non capire dove finisce la realtà e comincia la finzione romanzesca generando una follia di massa che causerà la fine del mondo, con uno dei finali più agghiaccianti della storia del cinema di genere, che solo un genio e Carpenter lo è, poteva farlo così bene, ora che ho visto tutti i film di Romero posso dire che strizza l'occhio a Romero Carpenter, omaggiandolo con una sua personale ed inquietante visione.
CAPOLAVORO.



Commenti

  1. cominci in sicurezza questa nuova, doverosa rassegna! Con Carpenter praticamente ci sono cresciuto! Questo film è spettacolare!

    RispondiElimina
  2. condivido in pieno quello che dici ^_^

    RispondiElimina
  3. il mio preferito di carpenter.
    un horror sconvolgente e grandioso!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.