Passa ai contenuti principali

Gerry

Fare una recensione di Gerry è un impresa quasi impossibile, perchè come opera è così profonda che non riesci a trovare le parole adatte, ci sono film che vanno guardati, altri che vanno osservati, altri ancora capiti, altri ammirati, altri per la quantità di messaggi e sottotesti che vogliono rappresentare, altri ancora per tanti altri motivi, come la natura, i sentimenti etc etc...
Gus Van Sant ha diretto un film sperimentale con cui comincia una trilogia, la sua trilogia della morte, di cui Gerry è il primo capitolo, parliamo appunto di questo film che vede  i due attori protagonisti che hanno scritto il film pure, e che offrono una intensa interpretazione, lo dico subito, non è un film facile, i dialoghi sono ridotti all'osso, e c'è un senso di disperazione che contorna il lungo cammino di questi due amici che sfocerà con un omicidio.
Gus Van Sant per una volta cerca di fare un film che si allontani dalle sue precedenti produzioni, e a cominciare dall'incipt dove vediamo l'inizio del viaggio con una musica da pianoforte lenta, dolce, che indica l'inizio di  un cammino che intraprendono insieme, ma è un cammino che va sempre avanti, di cui non torneranno indietro, come se il loro cammino fosse l'ultimo cammino della loro vita, in un viaggio funereo senza possibilità di ritorno, la straordinaria fotografia dei paesaggi sottolinea lo stato d'animo dei protagonisti, che attraverso questo deserto insidioso si interrogano su tante cose.
Come tutti i viaggi dovranno provare le sofferenze come la stanchezza, la fame, la sete, che metteranno a dura prova il loro cammino, il film che è una lunga metafora sulla vita, ma nello stesso tempo cerca in tutti i modi di dare l'impressione nello spettatore di una lenta ballata di morte, in cui non ci sarà un ritorno alla vita, ma una lenta e inesorabile tristezza.
Gus Van Sant sceglie di non narrare, ma soltanto filmare il vuoto che circonda i due protagonisti, ammetto che il film è particolarmente pesante, e bisogna vederlo in un contesto di serenità interiore, eppure Van Sant, cerca di far comprendere allo spettatore che non bisogna restare intimiditi perchè la morte è un passaggio verso un altra vita.
Inutile dire che la regia di Van Sant è la ciliegina sulla torta di questo film straordinario, che solo per le inquadrature meriterebbe di essere proiettato, un opera talmente libera e anticonvenzionale, da non essere ancora uscita in italia, si spera in una prossima uscita nei cinema, anche se credo dato il tema trattato forse uscirà solo in dvd, comunque sia, se esce solo per l'home video è da recuperare assolutamente.
DA NON PERDERE


Commenti

  1. non lascia indifferenti, l'ho visto d una settimana e ancora mi gira in testa...

    RispondiElimina
  2. si ti resta dentro questo film ^_^

    RispondiElimina
  3. Nonostante Elephant abbia riscosso un maggior successo (almeno di critica), a mio avviso Gerry rimane il punto più alto della trilogia della morte e in assoluto uno dei miei film preferiti di Gus Van Sant. Un vero viaggio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.