Passa ai contenuti principali

Gerry

Fare una recensione di Gerry è un impresa quasi impossibile, perchè come opera è così profonda che non riesci a trovare le parole adatte, ci sono film che vanno guardati, altri che vanno osservati, altri ancora capiti, altri ammirati, altri per la quantità di messaggi e sottotesti che vogliono rappresentare, altri ancora per tanti altri motivi, come la natura, i sentimenti etc etc...
Gus Van Sant ha diretto un film sperimentale con cui comincia una trilogia, la sua trilogia della morte, di cui Gerry è il primo capitolo, parliamo appunto di questo film che vede  i due attori protagonisti che hanno scritto il film pure, e che offrono una intensa interpretazione, lo dico subito, non è un film facile, i dialoghi sono ridotti all'osso, e c'è un senso di disperazione che contorna il lungo cammino di questi due amici che sfocerà con un omicidio.
Gus Van Sant per una volta cerca di fare un film che si allontani dalle sue precedenti produzioni, e a cominciare dall'incipt dove vediamo l'inizio del viaggio con una musica da pianoforte lenta, dolce, che indica l'inizio di  un cammino che intraprendono insieme, ma è un cammino che va sempre avanti, di cui non torneranno indietro, come se il loro cammino fosse l'ultimo cammino della loro vita, in un viaggio funereo senza possibilità di ritorno, la straordinaria fotografia dei paesaggi sottolinea lo stato d'animo dei protagonisti, che attraverso questo deserto insidioso si interrogano su tante cose.
Come tutti i viaggi dovranno provare le sofferenze come la stanchezza, la fame, la sete, che metteranno a dura prova il loro cammino, il film che è una lunga metafora sulla vita, ma nello stesso tempo cerca in tutti i modi di dare l'impressione nello spettatore di una lenta ballata di morte, in cui non ci sarà un ritorno alla vita, ma una lenta e inesorabile tristezza.
Gus Van Sant sceglie di non narrare, ma soltanto filmare il vuoto che circonda i due protagonisti, ammetto che il film è particolarmente pesante, e bisogna vederlo in un contesto di serenità interiore, eppure Van Sant, cerca di far comprendere allo spettatore che non bisogna restare intimiditi perchè la morte è un passaggio verso un altra vita.
Inutile dire che la regia di Van Sant è la ciliegina sulla torta di questo film straordinario, che solo per le inquadrature meriterebbe di essere proiettato, un opera talmente libera e anticonvenzionale, da non essere ancora uscita in italia, si spera in una prossima uscita nei cinema, anche se credo dato il tema trattato forse uscirà solo in dvd, comunque sia, se esce solo per l'home video è da recuperare assolutamente.
DA NON PERDERE


Commenti

  1. non lascia indifferenti, l'ho visto d una settimana e ancora mi gira in testa...

    RispondiElimina
  2. si ti resta dentro questo film ^_^

    RispondiElimina
  3. Nonostante Elephant abbia riscosso un maggior successo (almeno di critica), a mio avviso Gerry rimane il punto più alto della trilogia della morte e in assoluto uno dei miei film preferiti di Gus Van Sant. Un vero viaggio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.