Passa ai contenuti principali

Martha

Martha è una giovane donna che ormai arrivata alla trentina, non si è ancora sposata, durante un viaggio a Roma, sulla scalinata di trinità dei monti a piazza di spagna il padre muore, con la morte del padre conosce anche un uomo, molto bello ed elegante, Helmut e ne rimane colpita, perchè è molto affascinante, ma lei non sa che è un uomo sadico, una volta sposati lui la plasma psicologicamente, da quel momento Martha, non è più libera di esprimere il proprio io, la propria personalità, via la musica che ascolta, lei ama Donizetti come il padre, e lui invece vorrebbe che ascoltasse la musica a lui più gradita, l'orlando di lasso.
Helmut all'inizio sembra persino troppo normale, quasi noioso, troppo perfetto, quest'uomo inoltre arriverà persino a violentarla, e anche a vietarle di uscire di casa, riusciendo a imbastirle una violenza psicologica terribile che la costringe all'isolamento dagli altri esseri umani, riuscendo a plasmare anche la sua personalità, per questo piano piano Martha scivolerà nella follia e nella depressione, una delle scene più intense del film è quando Martha compra un gattino per avere il contatto con un altro essere vivente, quando troverà la bestiola morta sarà un punto di non ritorno, non esiste via d'uscita, perchè è come se Helmut avesse creato una specie di prigione psicologica, in cui tutto ciò che piace a lei è bandito, ma quello che piace a lui è regola che deve essere seguito e deve anche piacerle.
Rainer Werner Fassbinder dirige un film estremo e doloroso, che è una feroce critica sul matrimonio e sulla dominanza e sottomissione dei coniugi, ma è anche una critica alla società che si sottomette ai voleri di un capo-padrone, in questo caso marito-padrone, che vuole dominare e plasmare la psicologia della donna che ha sposato in un crescendo di tensione che non abbandona mai il  film, ma non si limita solo a fotografare il rapporto sadomasochistico tra i due coniugi, è bravissimo anche a sottolineare l'ambientazione familiare dalla quale arriva Martha, il suo essere ancora signorina superati i trent'anni, il suo essere timida, poi fotografa con precisa lucidità anche Helmut, uomo perfettamente vestito, curato, di tutto punto, bello, affascinante, apparentemente è l'uomo perfetto per essere sposato, ma come dice un vecchio proverbio, non è tutto oro ciò che luccica, e Martha scoprirà ben presto a che tipo di trattamento verrà sottoposta, sarà plagiata, violentata, plasmata, con una sadica e crudele violenza sia sessuale, perchè lui è incapace di amare, sia psicologica, perchè lui non ammette che lei esprima la sua personalità, deve sottostare ai suoi gusti, lui è eccitato da Martha, ma non riesce a fare sesso se non in modo violento e brutale, il loro sarà un rapporto esclusivo e assoluto, in cui il mondo intero è totalmente bandito, questa sottomissione sarà per Martha l'inizio di una discesa verso gli abissi della follia e della depressione, che nemmeno quando tenta di scappare riuscirà ad uscire da quella situazione.
Un piccolo grande film per constatare quando un rapporto diventa estremo e assoluto e finisce per reprimere un essere umano, consigliatissimo per vedere come il male si nasconde sempre in persone dall'aspetto migliore ma dentro sono marce e pericolose.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE



Commenti

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…